Il movimento politico “Avanti Taormina” torna ad alzare la voce e lo fa dopo qualche mese di silenzio. Una tattica ben precisa del leader Jonathan Sferra, il quale ha evidenziato che si era voluto concedere «il tempo necessario all’amministrazione per dare le risposte giuste alla cittadinanza. Non abbiamo voluto dare l’impressione di essere contrari a priori soltanto per partito preso». “Avanti Taormina” attacca l’amministrazione comunale guidata da Eligio Giardina, che, secondo Sferra, non ha mantenuto le promesse elettorali: «A distanza di quasi due anni all’insediamento dell’amministrazione Giardina, continua Sferra, non sono stati riscontrati i risultati che molti cittadini speravano». Un altro esponente di “Avanti Taormina”, Carmelo Scimone, ha rincarato la dose: «Gli annunci della campagna elettorale sono rimaste lettere morte, e le esigenze concrete della cittadinanza vengono ancora in secondo piano, dove le manovre di palazzo hanno la priorità. In questi anni l’amministrazione ha saputo soltanto discutere di ASM, di incarichi governativi e di rimpasti, con continui capovolgimenti di maggioranze».

«Non vi è traccia di un piano di risanamento delle casse comunali, così come non vi è un piano strategico di sviluppo turistico. L’unica strategia dell’amministrazione si è dimostrata quella di aumentare ancora una volta la tassa di soggiorno, prelevando denaro importante dai turisti per destinarlo alla sconfinata spesa corrente. Nessun investimento, nessuna progettualità di sviluppo», hanno messo in evidenza i rappresentanti di “Avanti Taormina”, che hanno aggiunto: «Il patrimonio comunale, ricchezza importante della città, resta ancora abbandonato al suo destino, cosi come il Palazzo dei congressi e altre importanti strutture che potrebbero produrre ricchezza, ma che non vengono valorizzate». “Avanti Taormina”, inoltre, chiede all’amministrazione comunale «la revisione del regolamento della tassazione sulla raccolta dei rifiuti, premiando chi fa la differenziata, aiutando con una fiscalità di vantaggio le famiglie numerose».

Nel comunicato stampa diramato da “Avanti Taormina” Jonathan Sferra parla anche della situazione del villaggio “Le Rocce”: «La politica deve avere la forza di decidere sul futuro del villaggio “Le Rocce”, salvando il sito da probabili speculazioni edilizie, recuperandolo e rispettando l’ambiente, e realizzando un importante area naturalistica da offrire come bene dell’umanità. Un bene pubblico che possa promuovere Taormina nel mondo, un bene di tutti, e non per pochi».

© Riproduzione Riservata

Commenti