L’Etna come il vulcano più alto ed affascinante d’Europa, ma non solo. Il monte che sovrasta la città di Catania e il territorio circostante è anche il luogo in cui viene prodotto il «vino più trendy in Italia – e forse in Europa – acclamato da appassionati e media di tutto il mondo. Ma oltre al vino c’è un territorio scrigno di biodiversità che racchiude produzioni agricole uniche. Si pensi ai pistacchi di Bronte, ai fichidindia, alla cultivar della Nocellara dell’Etna attraverso cui vengono fuori eccellenti oli extravergine, al miele». Un tesoro unico al mondo che viene raccontato tramite la cucina e i suoi protagonisti tra osterie e ristoranti in un contesto geografico mozzafiato. Uno spettacolo che verrà mostrato all’Expo 2015 di Milano, ma non solo. Già, perché il 27, 28 e 29 marzo al Picciolo Etna Golf Resort di Solicchiata (Castiglione di Sicilia), ci sarà un nuovo evento di Cronache di Gusto per esaltare l’Etna e ogni sua sfumatura.

Manca davvero poco a “Taste Etna”, un format che mette insieme chef, prodotti del territorio, protagonisti e paesaggi. Un’occasione per parlare di turismo, agricoltura e sostenibilità insieme a giornalisti, rappresentanti istituzionali e imprenditori del comparto agroalimentare. Saranno giorni intensi, perché verranno organizzati dei cooking show con gli chef del territorio etneo, degustazioni di prodotti e incontri con i protagonisti. Il tutto sarà preceduto, la sera del 27 marzo, da una cena affidata agli chef Cristhian Busca e Andrea Ribaldone per uno scambio a tavola tra la Sicilia e il Piemonte tra cibi, piatti e vini. I grandi protagonisti, neanche a dirlo, saranno gli chef: Pippo Anzalone di San Giorgio e il Drago di Randazzo; Cristhian Busca de Il Picciolo Golf Resort di Solicchiata; Bianca Celano di QQucina Qui a Catania; Lina Castorina di 4 Archi di Milo; Saverio Piazza dello Sheraton Hotel di Acicastello; Giuseppe Raciti di Zash a Riposto; Andrea Macca di Donna Carmela, Riposto; Seby Sorbello del Ristorante Parco dei Principi, Zafferana Etnea; Andrea Graziano di Fud, Catania; Santo Musumeci di Randazzo; Elia Russo di Villa Neri Resort, Linguaglossa; Toti Vitale di Ciciulena, Catania.

I cooking show dureranno circa 75 minuti ciascuno e si terranno tra le 11 e le 19 di sabato 28 e domenica 29. Ogni chef realizzerà un piatto che interpreterà l’identità del territorio etneo e il pubblico potrà degustarlo. Ogni piatto, inoltre, sarà abbinato a un vino etneo che sarà raccontato dallo stesso produttore. Il biglietto per partecipare a ogni cooking show è di 10 euro e può essere acquistato scrivendo a eventi@cronachedigusto.it oppure direttamente all’evento.

© Riproduzione Riservata

Commenti