La partecipazione dell’Associazione albergatori Taormina – C’è chi parla di turismo invernale e si crogiola in varie conferenze e chi, senza troppi proclami, ha già messo in moto il concetto di turismo d’inverno. Dalle parole di qualcuno ai fatti di altri. L’iniziativa “Sicilia d’Inverno 2015”, per essere precisi, è stata promossa da SAC (Società Aeroporto Catania) ed è stata realizzata e gestita da Siracusa Turismo. Ha avuto il sostegno, condivisione e supporto di vari enti e associazioni, quali le Camere di commercio di Catania, Siracusa e Ragusa, le associazioni Confindustria Turismo e Alberghi, Federalberghi Sicilia, Confesercenti Sicilia, Assoturismo, Distretto Valle dei Templi e Sicilia Convention Bureau. In questo elenco, però, non compare la provincia di Messina. Nonostante ciò Taormina, tramite l’Associazione albergatori della città, si è inserita in un progetto considerato utile e concreto per incrementare i flussi turistici. Taormina c’è, verrebbe da dire. Ed è proprio così, perché dall’Associazione albergatori fanno sapere che loro «non amano i proclami, preferiscono pensare ai fatti concreti. In silenzio, senza gesti eclatanti che fanno la felicità dei media ma la “tristezza” dei portafogli».

Un progetto che non fa rima con la solita “fuffa” – Del resto questa iniziativa, presentata e avviata nei giorni scorsi, è qualcosa di serio. Non si tratta di “fuffa” partorita da tavoli imbanditi di giacche e cravatte, in cui si discute senza giungere a un punto d’arrivo. Nella sede della S.A.C. (Società Aeroporto Catania), a Catania, invece, è stato raggiunto un accordo di co-marketing tra le compagnie aeree Volotea e Vueling, gli albergatori e gli enti e le associazioni del territorio per promuovere la Sicilia nel periodo di bassa stagione, con una offerta turistica che è già iniziata e si concluderà in primavera (30 aprile 2015). Dalla destagionalizzazione in teoria alla destagionalizzazione in pratica. L’iniziativa in corso, promossa da Sac e denominata “Sicilia d’Inverno 2015”, prende spunto dall’esperienza dello scorso anno e prevede l’adesione delle strutture ricettive di tutte le province siciliane. Al momento si sono iscritti 280 alberghi. Il progetto pone al centro l’aeroporto di Catania, considerato come porta d’ingresso per visitare l’intera Sicilia.

In cosa consiste l’offerta? – “Sicilia d’Inverno 2015” è una iniziativa di co-marketing tra vettori aerei, albergatori e territorio in cui ciascun attore fornisce un contributo per raggiungere un fine condiviso, che in questo caso consiste nell’aumentare il flusso turistico durante il periodo di bassa stagione. Il vettore aereo offre una tariffa agevolata, l’albergatore un contributo sul viaggio, il territorio (SAC) le risorse per la promozione e da questa sinergia (co-marketing), dalla volontà di fare squadra nel vero senso della parola, tutti ne traggono un vantaggio in termini di traffico per i vettori aerei, di presenze per gli alberghi e ricadute economiche per il territorio, ma soprattutto in termini di immagine e promozione attiva con ricadute positive sulla popolarità della destinazione anche nei periodi successivi all’iniziativa. Ma in cosa consiste il progetto “Sicilia d’Inverno 2015”? In primis il viaggiatore che prenota sul portale www.siciliadinverno.it e soggiorna almeno due notti in una delle strutture ricettive siciliane aderenti all’iniziativa, ha diritto a un contributo sul viaggio, a prescindere dal mezzo utilizzato, per un importo di almeno il 20 per cento del costo delle camere prenotate, che l’hotel prescelto riconoscerà all’utente come sconto al saldo del conto; e l’opportunità di acquistare un biglietto aereo con uno sconto di 20 euro a persona sui voli andata e ritorno su Catania con le compagnie aeree Vueling e Volotea.

Niente “bla bla” sul turismo – È un’opportunità che non passa inosservata, perché c’è la possibilità di vivere un weekend nell’isola più bella del Mediterraneo, includendo il volo e due pernottamenti, a partire da 140 euro a persona. Si tratta di un progetto globale di marketing turistico regionale, perché all’iniziativa possono aderire tutte le destinazioni e tutti gli operatori alberghieri dell’isola. Il brand “Sicilia” è messo in primo piano e mentre qualcuno continua a riunirsi e rilasciare dichiarazioni sul “bla bla turistico”, “Sicilia d’Inverno 2015” è una realtà che ha come obiettivo rilanciare il settore turistico regionale. Le strutture ricettive siciliane possono aderire all’iniziativa compilando il modulo di adesione.

© Riproduzione Riservata

Commenti