Continua la discussione sull’automedica – Prosegue il dibattito sull’automedica nel comprensorio di Taormina. Qualche giorno fa il Consiglio comunale taorminese aveva approvato all’unanimità l’atto di indirizzo sul reperimento di nuovi locali da destinare al servizio di automedica, un gesto che non sembra aver risolto i problemi a causa dei veti regionali. La proposta della consigliera comunale Alessandra Caltabiano era stata apprezzata dal consigliere comunale di Castelmola Nino Raneri, capogruppo di “Democrazia e Libertà”, il quale aveva annunciato che nel prossimo Consiglio comunale, insieme al suo movimento politico, presenterà una mozione affinché anche la cittadina possa utilizzare l’eventuale automedica che dovrebbe essere posta nel centro di Taormina. «L’automedica – aveva sottolineato il capogruppo di “Democrazia e Libertà” – è un servizio di utilità pubblica che aiuterebbe i cittadini e i turisti in caso di necessità. Si tratta di una mancanza incomprensibile per il comprensorio di Castelmola e Taormina centro».

Orlando Russo: «L’automedica è un disegno criminale dell’opposizione» – Parole che non trovano d’accordo il sindaco di Castelmola, Orlando Russo, che non ha utilizzato mezzi termini per rispondere alla proposta dell’automedica comprensoriale del consigliere Nino Raneri: «L’automedica è un disegno criminale portato avanti dal gruppo di minoranza. È qualcosa di criminale sotto il profilo dell’ignoranza politica o un disegno criminale nell’ignoranza politica. Chi parla ha sempre avuto una “mentalità comprensoriale”, ma i consiglieri che propongono quell’atto deliberativo o sono totalmente in malafede, perché vogliono creare qualche disastro a Castelmola, oppure non capiscono niente di politica». Il dibattito nell’imminente Consiglio comunale di Castelmola sarà acceso e il battibecco tra maggioranza e opposizione è già iniziato. Il primo cittadino Orlando Russo ha sottolineato che chiedere l’automedica vorrebbe dire rinunciare alla guardia medica che al momento si trova nella cittadina sopra Taormina. E sarebbe un peccato, ha evidenziato il sindaco, dopo tutte le battaglie per non farla chiudere: «Castelmola ha una guardia medica e come tale ne deve usufruire. L’automedica viene data a Taormina, perché Taormina perde la guardia medica. Abbiamo portato avanti un mare di battaglie, perché ci sono stati tentativi dell’Aspe provinciale e dell’assessorato regionale per togliere la guardia medica a Castelmola».

«Un disegno politico per screditare questa amministrazione comunale» – Il sindaco Russo si spinge oltre e vede nella mozione sull’automedica che verrà presentata in Consiglio comunale un disegno politico per cercare di screditare la sua maggioranza: «A mio avviso c’è un disegno criminale, ovvero quello di voler fare perdere la guardia medica a Castelmola per poter dire che questa amministrazione “ha perso la guardia medica”. Da noi va la massima solidarietà ai cittadini di Taormina centro, che chiedono di portare l’automedica nella loro zona. Ma sono fatti che riguardano l’amministrazione comunale di Taormina su cui non possiamo entrare nel merito». Almeno in questo contesto il sindaco di Castelmola non ritiene necessario ragionare in maniera comprensoriale, perché c’è da difendere una guardia medica di cui usufruiscono Castelmola, Taormina e Trappitello: «È evidente che questa amministrazione non ha nessuna intenzione di fare istanza per chiedere l’automedica comprensoriale, perché sarebbe il primo passo per togliere la nostra guardia medica, che al momento serve Castelmola, Taormina e Trappitello».

© Riproduzione Riservata

Commenti