NurSind, per migliorare l’ambiente di lavoro e costruire il cosiddetto “benessere lavorativo”, a dimostrazione che gli errori in terapia sono uno dei punti focali dell’amministrazione dell’AOU, qualche mese fa, la stessa, ha accolto la proposta del sindacato infermieristico che ha dato il via al progetto “Terapie Sicure”.

Con l’acquisto e quindi con l’utilizzo dei giubbini dissuasori con la scritta “non disturbare infermiere in terapia”, si cercherà – dissuadendo appunto – i parenti e tutto il personale che ruota attorno alla figura infermieristica a non disturbare l’infermiere durante la somministrazione della terapia o altre pratiche comunque delicate. «Una bella soddisfazione sostiene Massimo Latella – segretario aziendale NurSind Policlinico – per una iniziativa che è stata condivisa, approvata e acclamata da tutto il nostro gruppo infermieristico».

«Abbiamo presentato la stessa proposta anche all’Asp ed al Papardo – ribatte Alonge segretario provinciale NurSind – non avendo, al momento, ricevuto alcuna risposta. Continua Alonge, siamo molto contenti che il Policlinico abbia accolto la nostra proposta e speriamo che il suo successo magari sia da traino per le altre Aziende, infatti un infermiere che lavora senza distrazioni, lavora meglio e sicuramente sbaglia meno, con il relativo risparmio umano e materiale che ne consegue».

© Riproduzione Riservata

Commenti