Il Volo conquista Sanremo
Il Volo conquista Sanremo

Il Volo: talento che premia. Un trio straordinario. Energia, emozione e bravura. Ignazio, Piero e Gianluca, il trio delle meraviglie. Dopo aver conquistato il mondo, finalmente trionfano in Italia vincendo la 65esima edizione del Festival di Sanremo. Un successo meritato per i tre ragazzi usciti da “Ti lascio una canzone”. A soli vent’anni hanno al loro attivo tre album, tre nomination ai World Music award, esibizioni con artisti del calibro di Barbra Streisand, Bono, Celine Dion, Usher, Carlos Santana, la vittoria al prestigioso Latin billboard award 2014, – considerato un vero e proprio oscar della musica – e adesso, con il brano “Grande amore” vincono Sanremo. Da superospiti all’Ariston, qualche anno fa, a vincitori nel 2015. In sala gli applausi appaiono infiniti. “Volevamo riconquistare il nostro Paese”, avevano detto. E possiamo dire che sono riusciti nel loro intento.

Due siciliani e un abruzzese che colpiscono per la loro simpatia e spontaneità. Già lo scorso anno avevano conquistato Taormina con le due tappe del loro concerto. E proprio a Taormina avevano girato la clip del loro primo singolo “O sole mio”. Ed è qui, nel posto più bello del mondo, che torneranno ad esibirsi il 22 agosto, portando anche il brano d’amore che li ha consacrati sul podio della musica italiana. Sorrido se ripenso a quando li ho incontrati. Era una bella giornata di primavera. Ricordo l’emozione, i sorrisi e soprattutto le risate che hanno preceduto l’intervista. Le battutine di Ignazio, la solarità di Piero con i suoi termini dialettali e la simpatia di Gianluca che mi continuava a chiamarmi ‘Iancilaaaa’. Ricordo l’emozione di averli sentiti cantare davanti a me. Qualcosa di unico. Perché Piero Barone, Ignazio Boschetto e Gianluca Ginoble hanno una voce, una spontaneità e umiltà non comune. Stanno girando il mondo e nonostante il successo planetario, rimangono tre ragazzi semplici che fanno quello che più amano: cantare.

Ripenso al nome che si sono dati: “Il Volo”. L’hanno scelto come buon auspicio. E, continuando a vedere i risultati, non si sono sbagliati. La loro storia è una favola continua. Un dono che li sta facendo volare e conquistare il pianeta. Il mio augurio, per questi tre fenomeni, è quello di salire sempre più su, senza fermarsi mai. Perché l’emozione che riescono a regalare è infinita. Grazie ragazzi per questa vittoria che ha il sapore dell’Italia. Per tutti i fan dei Volo l’appuntamento è il 22 agosto al teatro antico di Taormina. Una data imperdibili per assistere ad uno spettacolo indimenticabile.

E quella che segue è la nostra intervista ai ragazzi de Il Volo, prima del loro concerto al Teatro Antico di Taormina del 20 e 21 luglio 2014.

© Riproduzione Riservata

Commenti