Tradizioni, prodotti tipici e patrimonio artistico-culturale dei territori del messinese alla ribalta della 35esima edizione della Fitur (Fiera Internazionale del Turismo) che si è conclusa ieri pomeriggio a Madrid, in Spagna. Una vetrina internazionale resa possibile dall’adesione a “Typical Sicily”, l’azione di promozione turistica coordinata da Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia) Sicilia, attuata dalla sezione provinciale di Messina, e finanziata dal Gal Peloritani nell’ambito del progetto “Viaggi con gusto-Itinerari del gusto nei territori rurali” con i fondi stanziati sull’asse Psr 2007-2013 dall’assessorato regionale dell’agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea.

«E’ solo il primo passo delle numerose iniziative e attività di promozione e valorizzazione dei nostri territori previste dal progetto» spiega il presidente di Unpli Messina, Santi Gentile che per sopraggiunti impegni non ha potuto prendere parte alla missione in Spagna. «Attraverso il progetto, continua Gentile, vogliamo presentare il comprensorio coinvolto, che include la costa jonica e la costa tirrenica come un‘area omogena che coniuga la fruizione del patrimonio culturale, delle ricchezze naturali e paesaggistiche e la scoperta dei prodotti tipici e di eccellenza. I dettagli dell’azione saranno presentati in una conferenza stampa che sarà convocata a breve».

Alla Fitur, in particolare, è stato presentato un pacchetto turistico incentrato sugli affascinanti riti legati alle celebrazioni pasquali. «Il feedback ottenuto dagli operatori del settore, afferma il presidente di Unpli Sicilia, Antonino La Spina, presente a Madrid, ci lascia soddisfatti. La proposta di un itinerari turistici che mettono insieme la visita delle classiche mete siciliane al turismo esperienziale, legato alle produzioni tipiche e alle tradizioni locali è stato assai gradito. Tanto che i nostri tour saranno inseriti nelle proposte e nei cataloghi di alcuni tour operator con i quali abbiamo stretto interessanti collaborazioni». Complessivamente in provincia di Messina la rete di attori pubblici e privati di “Typical Sicily”, include 18 Pro Loco, 16 comuni e 12 aziende private. L’iniziativa si estende ad entrambi i versanti (jonici e tirrenici) del messinese e prevede la realizzazione di percorsi gastronomici ed azioni di valorizzazione dei prodotti tipici biologici locali.

© Riproduzione Riservata

Commenti