Una giornata intensa organizzata dalla Feltrinelli Point di Messina quella di martedì 27 gennaio. Una giornata dedicata alla memoria dove due donne, entrambe avvocato, entrambe scrittrici, profondamente diverse, testimonieranno la loro vita. Inaugura la giornata, alle ore 12.00, Simonetta Agnello Hornby proprio in libreria per presentare il suo ultimo libro, Il pranzo di Mosè (Giunti Editore) e parlare dell’omonima trasmissione televisiva, su Real Time, che è nata con il libro. L’avvocato e scrittrice palermitana firmerà le copie e insieme agli intervenuti degusterà le specialità siciliane descritte da lei stessa nel suo libro e realizzate dal ristorante Bouchon di Messina. Le ricette presenti nell’ultimo libro della Hornby sono tramandate da cinque generazioni nella casa di Mosè, la tenuta nella campagna di Agrigento dove la famiglia materna dell’autrice trascorre le vacanze estive, in cui Chiara Agnello, sorella di Simonetta, cucina ancora oggi i prodotti dell’orto e quanto offerto dalla fattoria, utilizzando l’olio dell’antico uliveto che copre i fianchi della collina. Il tavolo della sala da pranzo continua ad allungarsi e restringersi per accogliere gli ospiti, nelle occasioni descritte nel libro.

La Hornby apre le porte della sua casa materna e insieme alla sorella ci racconta sei occasioni di convivio nella casa di Mosè di oggi, mostrandoci i prodotti di stagione e guidandoci nella scelta dei menù e ci svela le ricette tramandate da generazioni, e quelle segrete delle monache, e trasforma i resti in pietanze squisite. Ci conduce inoltre tra le stanze ombrose della grande casa fino alla luminosa sala da pranzo, spiega come decorare la tavola e come disporre gli ospiti in modo da mettere ciascuno a proprio agio e facilitare la conversazione. E ci fa assistere alla piacevolezza di un pranzo sempre ottimo, perché preparato con amore e gustato in compagnia. Si continua nel pomeriggio alle ore 15.00 nell’aula Magna della Corte d’Appello di Messina con Lucia Annibali e Giusi Fasano che presenteranno Io ci sono (Rizzoli) l’autobiografia di Lucia Annibali: il 6 aprile 2013, una sera qualunque, una giovane avvocatessa di Pesaro, torna a casa dopo essere stata in piscina.

Ad attenderla, dentro il suo appartamento, trova un uomo incappucciato che le tira in faccia dell’acido sfigurandola. Le ustioni, devastanti, corrodono anche il dorso della sua mano destra. Quella stessa notte viene arrestato come mandante dell’aggressione Luca Varani, avvocato, che con Lucia aveva avuto una tormentata relazione troncata da lei nell’agosto del 2012 e che, secondo la magistratura, aveva assoldato per l’agguato due sicari albanesi, pure loro poi arrestati. Come avviene in molti, troppi episodi di violenza contro le donne, anche in questo caso è stato l’abbandono a innescare la miccia del risentimento. Lo schema è purtroppo “classico”: il possesso scambiato per amore, la rabbia che diventa ferocia, fino all’essenza della crudeltà: l’acido in faccia. L’autrice in questo libro ripercorre la sua storia con quell’uomo, dal corteggiamento al processo («Il tempo con lui è stato una bestia che digrignava i denti e io mi lasciavo sbranare»); passa in rassegna i momenti dell’emozione e quelli della sofferenza; racconta l’acido che scioglieva il suo viso («Un minuto dopo la belva era ammaestrata») e poi i mesi bui e dolorosissimi, segnati anche dal rischio di rimanere cieca.

Per la sua tenacia, la sua determinazione e il coraggio di mostrarsi, oggi Lucia è diventata un’icona, punto di riferimento per tutte le altre donneIo non mi arrendo, e questa ferita diventerà la mia forza»). Testimonianza autentica e toccante di un grave fenomeno del nostro tempo che proprio in questi giorni ha avuto un giusto epilogo con la condanna a vent’anni di carcere per Luca Varani. La manifestazione organizzata dalla sezione messinese dell’Associazione Italiana Giovani Avvocati (Aiga), dall’Ordine degli Avvocati di Messina, da Fidapa Messina e da La Feltrinelli Point Messina. I saluti iniziali saranno della presidente dell’Aiga Messina, l’avvocato Frida Simona Giuffrida. Al suo fianco il Presidente dell’Ordine, Francesco Celona. Farà da moderatore la presidente di Fidapa Messina, Susy Pergolizzi.

© Riproduzione Riservata

Commenti