Francantonio Genovese - Foto Saya/LaPresse 2014

Il deputato messinese del Pd, Francantonio Genovese, accusato di associazione per delinquere, frode e truffa nell’inchiesta sulla Formazione in Sicilia e oggi agli arresti domiciliari, deve tornare in carcere. E’ quanto ha deciso la Corte di Cassazione che, nella tarda serata di ieri, ha rigettato il ricorso presentato dai difensori del parlamentare, confermando così la decisione del Tribunale della Libertà di Messina, che lo scorso luglio aveva ripristinato la custodia cautelare in carcere al posto degli arresti domiciliari, che gli erano stati concessi a seguito dell’interrogatorio di garanzia. Sarà adesso la Procura di Messina a valutare oggi il caso. Francantonio Genovese è agli arresti domiciliari dallo scorso maggio. Era stato lo stesso deputato a costituirsi nel carcere di Messina una settimana prima dopo che la Camera dei deputati aveva votato l’autorizzazione al suo arresto.

© Riproduzione Riservata

Commenti