Assessore Caruso: «Speriamo di aver risolto il problema delle infiltrazioni» – L’edilizia scolastica è uno dei temi più sentiti dagli italiani. Far passare delle ore in edifici sicuri ai propri figli, del resto, è una priorità per qualsiasi genitore. Anche nel comune di Taormina, senza ombra di dubbio, è così. Dopo il maltempo dei primi giorni di novembre era stata “colpita” la scuola “Ugo Foscolo” e dei danni erano stati registrati a causa di alcune infiltrazioni. Subito dopo il comune era intervenuto e tramite l’assessore Alessandra Caruso aveva assicurato un impegno economico da parte della città. Una promessa mantenuta quella dell’amministrazione guidata da Eligio Giardina, considerando che «sono stati stanziati 25 mila euro e i lavori stanno per concludersi. Speriamo di aver risolto il problema delle infiltrazioni», ha aggiunto l’assessore Caruso. Sui lavori sembra essere tranquilla anche la dirigente scolastica dell’istituto “Ugo Foscolo”, la dottoressa Carla Santoro, che ha confermato come «i lavori di impermeabilizzazione al soffitto si stanno concludendo e subito dopo si procederà al completamento dei controsoffitti». La scuola “Ugo Foscolo”, però, verrà coinvolta anche in altri finanziamenti e per la precisione si tratta di 350 mila euro ottenuti tramite i fondi Pon Fesr. «Sono stati già fatti dei sopralluoghi dalle ditte e si presume che dopo la conclusione delle festività si procederà all’apertura delle buste per iniziare i lavori», ha detto l’assessore Caruso.

Dirigente Santoro: «Nelle prossime settimane, credo, apriremo le buste» – Questi 350 mila euro, ha precisato la dirigente scolastica Santoro, «serviranno per la messa a norma dell’impianto elettrico e la sistemazione della palestra e della piscina di questo plesso. Ci stiamo muovendo secondo le rigide norme dell’Unione europea, quindi abbiamo espletato le formalità per fare il bando. Nelle prossime settimane, credo, apriremo le buste. Le opere andranno completate e rendicontate entro il mese di dicembre 2015». Altri fondi, per una cifra intorno ai 350 mila euro, sono stati stanziati anche «per il plesso di Trappitello situato in via Santa Filomena. Qui, però, aspettiamo ancora che il delegato del ministero completi la procedura, ma a breve dovrebbe essere fatto il bando. Nell’arco di un paio di mesi, se tutto andrà bene, inizieranno i lavori», ha sottolineato la dottoressa Carla Santoro. Sulla scuola di Trappitello si è voluta soffermare anche l’assessore Caruso, che ha ricordato che si tratta di finanziamenti Pon e «i lavori si dovranno concludere entro giugno 2015».

Assessore Carella: «Nel 2014 l’imperativo dell’amministrazione è stato quello di mettere in sicurezza le scuole» – Ristrutturazioni in vista anche per l’asilo nido di Taormina: «E’ stato pubblicato un bando sulla Gazzetta ufficiale che prevede una ristrutturazione edilizia, invece per quanto riguarda l’asilo nido che si dovrebbe realizzare a Trappitello, il finanziamento è di circa 1 milione e 200 mila euro. Stiamo cercando di portare a termine l’iter e di questa somma ben 500 mila euro saranno impiegati per la ristrutturazione edilizia e gli altri soldi saranno impiegati per i servizi sociali, ovvero per ricoprire le attività con il personale specifico richiesto». Inoltre l’assessore con delega alla Pubblica istruzione, in merito alle lamentele di questi giorni di alcuni genitori sul mal funzionamento dei riscaldamenti, ha tenuto a sottolineare come «il problema è stato risolto e i sopralluoghi sono stati fatti. I riscaldamenti sono partiti in quasi tutti i plessi scolastici». Altra vicenda relativa all’edilizia scolastica della zona di Taormina è quella del plesso scolastico “Vittorino da Feltre”, situato in via Cappuccini. L’assessore all’Urbanistica, Gaetano Carella, ha ribadito che «il comune di Taormina è stato ammesso nelle graduatorie e appena arriverà il finanziamento ci attiveremo». Infine Carella, sempre sull’argomento edilizia scolastica e priorità alla sicurezza dei più piccoli, ha sottolineato come «nella scuola di Mazzeo c’erano state delle infiltrazioni e abbiamo messo a disposizione delle somme per risolvere i problemi». Del resto, ha concluso l’assessore Carella, «nel 2014 l’imperativo categorico dell’amministrazione è stato quello di mettere in sicurezza i plessi scolastici».

© Riproduzione Riservata

Commenti