Ass. alla Cultura di Messina Prof. Tonino Perna

Filippo Grasso: «I comuni devono fare rete per la riuscita dell’Expo» – L’Expo 2015 è ormai alle porte e alcuni comuni della provincia di Messina si sono incontrati per cercare di trovare un’intesa per la costituzione dell’identità culturale di quella che dovrà diventare la città metropolitana. L’obiettivo dei comuni aderenti, che sono 30 su 51 (Antillo, Limina, Roccalumera, Roccafiorita, Pagliara, Mandanici, Santa Teresa di Riva, Sant’Alessio Siculo, Forza D’Agrò, Casalvecchio Siculo, Savoca, Furci Siculo, Itala, Scaletta Zanclea, Alì, Alì Terme, Nizza di Sicilia, Fiumedinisi, Letojanni, Castroreale, Monforte San Giorgio, Santa Lucia del Mela, Montagnareale, Basicò, Terme Vigliatore, Condrò, Pace del Mela, San Pier Niceto, San Filippo del Mela e Salina, che è presente con il presidio Slowfood) è quello di mettere in moto in breve tempo la macchina metropolitana della provincia di Messina. Nel progetto Expo 2015 per l’area metropolitana della provincia di Messina, in cui sono coinvolte anche la Confcommercio di Messina, la Camera di commercio di Messina, l’ex provincia regionale di Messina, Slowfood, l’Its Fondazione Albatros e altri partner privati, è importante, ha sottolineato il docente in Analisi di mercato presso l’Università degli studi di Messina Filippo Grasso, «che i comuni facciano rete per la riuscita dell’Expo».

Assessore Tonino Perna: «Faremo un bando per costruire la nostra rappresentazione» – Sulla stessa linea di pensiero anche il primo cittadino di Letojanni, Alessandro Costa, il quale ha tenuto a sottolineare come «il progetto è in una fase avanzata, quella della programmazione. È fondamentale fare rete e non procedere in ordine sparso». All’evento ha partecipato anche l’assessore al Turismo del comune di Messina, Tonino Perna, che ha ricordato come il tema dell’Expo dell’area metropolitana dello Stretto sarà “Nutrire la terra”, ovvero verranno proposti «i nostri prodotti che hanno a che fare con il riequilibrio dell’ecosistema. Faremo un bando per costruire la nostra rappresentazione e servirà trovare dei simboli». Già, in questo il comune di Taormina potrebbe giocare un ruolo di primo piano. La perla dello Jonio, infatti, è identificata, in tutto il mondo, con alcuni luoghi simbolici ben precisi, ma la sfida di tutti i comuni dell’area metropolitana è quella di far emergere le particolarità della zona e non solo di una singola città. Le bellezze e le ricchezze, come detto diverse e troppe volte, sono innumerevoli e mai utilizzate in toto. Proprio per un motivo del genere l’Expo 2015 è un treno da non perdere. Ritardare a quell’appuntamento vorrebbe dire farsi sfuggire delle opportunità cruciali per la zona, che in un contesto internazionale come quello dell’Expo potrebbero essere messe in risalto.

Nelle prossime settimane inizierà la fase della programmazione – «L’intento, ha aggiunto l’assessore Tonino Perna, è quello di creare una forte sinergia nell’area e l’Expo potrebbe essere un passaggio per creare la città metropolitana. Sulla carta è qualcosa di molto difficile, ma il comune di Messina si sta muovendo concretamente per realizzare questo progetto. Bisogna capire quali sono i simboli della nostra area. È necessario trovare ciò che ci rappresenta di più. Dobbiamo avere le capacità di costruire l’identità della città metropolitana». All’iniziativa ha partecipato anche il dottor Martorana, esponente dell’Anci Sicilia, che ha ribadito l’importanza di sfruttare questa grande opportunità: «E’ un’occasione ghiotta da cogliere». Con quest’incontro si è chiusa la prima fase progettuale e nelle prossime settimane inizierà la fase della programmazione, mentre l’ultimo momento sarà dedicato alla pianificazione delle attività e degli eventi collaterali all’Expo 2015. La maggior parte dei comuni della provincia di Messina si è ormai messa in moto per mostrare le proprie ricchezze e bellezze alla manifestazione internazionale dell’Expo. Un modo utile per cooperare, per confrontarsi e per provare a trovare un’identità comune che sia la base fondante per la nascita della futura città metropolitana. Del resto, come sottolineato dall’assessore Tonino Perna, l’Expo è una grande occasione anche per trovare una sinergia provinciale in vista del progetto della città metropolitana. Un’idea su cui il comune della città dello Stretto sta scommettendo con convinzione.

© Riproduzione Riservata

Commenti