Continuano i controlli nelle scuole – “Prevenire è meglio che curare”, recitava una famosa pubblicità trasmessa dalle tv nazionali. Seguendo questo principio le forze dell’ordine rappresentate dai Carabinieri della Compagnia di Taormina hanno effettuato una serie di controlli negli istituti scolastici di Giardini Naxos.  All’operazione, che in realtà è stata avviata già la scorsa settimana nei territori di Santa Teresa e Furci Siculo, hanno partecipato tutte le componenti operative dell’Arma presenti sul territorio. L’intero servizio ha visto la partecipazione delle gazzelle della Radiomobile, delle pattuglie della Stazione e del nucleo cinofili di Nicolosi (Ct). L’intero dispositivo si è anche avvalso della supervisione dell’elicottero dell’Arma che ha sorvolato i territori della Compagnia. Sono stati controllati zainetti e motorini dei ragazzi con il cane “Indic”, guidato con abilità dal suo conduttore. Nessuna sostanza illegale è stata riscontrata, ma l’operazione è stata messa in atto perché di solito gli edifici scolastici sono luoghi fertili per spacciatori della zona che hanno l’obiettivo di crearsi una nuova e spesso ingenua clientela.

Un impegno costante, soprattutto in un momento così delicato – L’azione dell’Arma dei Carabinieri, però, non si è conclusa con questi controlli presso le scuole del comune di Giardini Naxos. Nelle ore successive, infatti, sono stati posti in essere posti di controllo sempre nell’area di confine con la vicina provincia di Catania: 40 autovetture fermate e decine le persone controllate. Nel frattempo i Carabinieri dell’elinucleo di Catania hanno sorvolato i territori fornendo il prezioso appoggio dall’alto ai colleghi impegnati sulla terraferma. Nel contempo una parte del personale in borghese ha effettuato alcune perquisizioni finalizzate al rinvenimento di sostanze stupefacenti. Continua, dunque, l’impegno delle forze dell’ordine per far morire sul nascere qualsiasi tentativo di spaccio di sostanze stupefacenti. Soprattutto in un momento come quello attuale, caratterizzato dalla crisi economica e dalla mancanza di lavoro, alcuni cittadini potrebbero trovare nello spaccio di droghe una via “facile” per accumulare del denaro.

Aumenta il consumo di spinelli tra i giovani – A maggior ragione, dunque, occorre prevenire e in un’ottica del genere sono stati realizzati una serie di controlli nella zona jonica. È un lavoro continuo che non conosce soste e infatti durante il ponte dell’Immacolata i Carabinieri della Stazione di Letojanni hanno assestato un importante colpo allo spaccio di stupefacenti nel territorio del comune costiero. Nel corso delle operazioni sono stati rinvenuti cinque grammi di marijuana ben nascosti dalla persona fermata. Si tratta di Angelino D’Agostino, un 45enne già noto alle forze dell’ordine, originario di Mongiuffi Melia e residente a Letojanni. L’uomo, nella propria abitazione, possedeva 280 grammi della stessa sostanza stupefacente. Il quantitativo di droga, finalizzato a confezionare centinaia di dosi, è stato posto sotto sequestro e l’uomo è stato tratto in arresto per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente ed è stato condotto presso la casa circondariale di Messina Gazzi, dove si trova ora a disposizione dell’Autorità giudiziaria per il prosieguo del procedimento penale. Al di là di questo arresto, rimane vigile l’azione delle forze dell’ordine in tutta la zona e non potrebbe essere altrimenti. È sufficiente leggere la relazione al Parlamento sulle tossicodipendenze 2014, per rendersi conto di come aumenta il consumo di spinelli tra i giovani: nella fascia di età tra 15 e 19 anni coloro che li hanno fumati durante gli ultimi dodici mesi sono passati dal 21,56 per cento (2013) al 23,46 per cento (2014). I dati evidenziano, inoltre, che la concentrazione di cannabis nelle acque reflue è cresciuta del 10,96 per cento, mentre diminuisce dello 0,75 per cento quella di cocaina. Stabili eroina, stimolanti e allucinogeni. Percentuali allarmanti, che giustificano i controlli preventivi delle forze dell’ordine negli edifici scolastici e in generale su tutto il territorio.

© Riproduzione Riservata

Commenti