Fabio Ruggieri, Presidente Adesso! Italia Catania

“Siamo un punto d’unione” – Proseguono i movimenti politici in Sicilia e il Partito Democratico regionale dovrà fare i conti anche con i rappresentanti locali di “Adesso! Italia”. Già, ma chi sono? Come si può leggere nella loro pagina ufficiale facebook, si tratta di una «rete nazionale di comitati e associazioni che hanno sostenuto Matteo Renzi e che continuano a sostenere il percorso delle riforme». Con questo spirito hanno inaugurato il Coordinamento provinciale di Catania i fondatori dell’organizzazione politica. Si tratta del neo eletto presidente Fabio Ruggieri e del presidente dell’associazione Big Bang Catania Alessandro Lo Presti. L’evento si è svolto alla presenza del presidente nazionale di “Adesso! Italia”, Antonio Ferrante, che ha voluto sottolineare come questo progetto non è una corrente, bensì un tentativo di unire il popolo democratico che si riconosce nelle idee rappresentate dal presidente del Consiglio Matteo Renzi: «Un’iniziativa che ha preso le mosse qualche mese fa a Firenze con l’intento di mettere insieme il popolo delle primarie con tutto il Partito democratico, perché un Pd unito è meglio di un Pd fatto di correnti. E “Adesso Italia” non vuole essere una corrente, appunto, ma piuttosto punto d’unione».

Mancavano gli esponenti di spicco del “renzismo isolano” – Gli organizzatori hanno insistito sul non essere una corrente. L’hanno fatto perché nelle ultime settimane una parte del mondo renziano li ha considerati tali. Ma per fugare ogni dubbio (basta questo?), Ferrante, Ruggieri e Lo Presti hanno invitato alla conferenza gli esponenti regionali del partito, a prescindere dalla loro appartenenza politica. Infatti erano presenti l’assessore regionale al Lavoro Bruno Caruso, il deputato nazionale Giuseppe Berretta, l’europarlamentare Michela Giuffrida, il sindaco di Catania Enzo Bianco, il segretario Regionale Pd Sicilia Fausto Raciti e il segretario provinciale Pd Catania Enzo Napoli. Mancavano, però, gli esponenti di spicco del “renzismo isolano”. A fare gli onori di casa c’ha pensato Fabio Ruggieri, coordinatore provinciale di “Adesso! Italia” Catania, che ha evidenziato l’ambizione del progetto di natura renziana: «Adesso! Italia nella provincia di Catania vuole essere il motore trainante del Partito Democratico sul piano programmatico come fatto a Firenze con ben 19 tavoli tecnici, dove si è discusso di Welfare, Europa, Istruzione, Turismo, Cultura, Giustizia e Legalità, anche sul territorio bisogna tornare a discutere di come deve essere Catania e la sua provincia nel prossimo futuro».

Un fine settimana movimentato Se nell’ultimo fine settimana, all’Hotel Hilton di Giardini Naxos, è nata “Sicilia democratica” con segretario, eletto per acclamazione, l’onorevole Lino Leanza, ecco che l’universo renziano ha risposto con la fondazione di “Adesso! Italia”. Il tema che ha unito le due kermesse, però, è lo stesso. Si è parlato di lavoro e in una terra come la Sicilia, dove la disoccupazione ha raggiunto livelli drammatici, non potrebbe essere altrimenti. A tal proposito il presidente dell’associazione Big Bang Catania, Alessandro Lo Presti, ha sottolineato la necessità di sostenere le imprese regionali: «Per fare crescere la Sicilia, dobbiamo ripartire dalle imprese, sostenendo quelle sane e aiutando quelle indebitate». Soddisfatto dell’incontro catanese Antonio Ferrante, che da sul profilo facebook ha ringraziato per la partecipazione cittadina: «Catania ha dato una risposta partecipata e competente che rende più forte tutto il nostro movimento e ci permetterà ogni giorno di coinvolgere e avvicinare attraverso Adesso! Italia tutto il nostro popolo alla politica ed al PD che è la nostra casa comune. #straordinari!».

© Riproduzione Riservata

Commenti