Countdown per la Cantantessa – Ci siamo, manca davvero poco. I fan della Cantantessa catanese, Carmen Consoli, hanno anticipato il countdown di Capodanno. Sono impazienti di ascoltare il nuovo singolo e a gennaio l’intero album di inediti. Hanno (anzi, abbiamo) atteso cinque anni. Un quinquennio, un periodo di tempo in cui di solito cambiano molte cose. Governi, campioni del mondo e d’Europa, ricorrenze particolari e avvenimenti. Scorre la vita con la sua imprevedibilità. Sono finiti da un pezzo gli anni novanta in cui si aspettava con impazienza l’uscita dell’album del cantante preferito. Dopo, complice il contesto attuale, qualcosa è cambiato. La velocità delle nostre società ha accelerato anche la musica che si è iper-commercializzata. Ha perso parte della sua passione e molte canzoni passano come un temporale. Dopo qualche giorno nessuno si ricorda più di loro. Succede a quasi tutti i cantanti della nostra epoca e coinvolge anche i cosiddetti “grandi vecchi”, simboli negli anni ’60, ’70 e ’80.

Solo chi non si fa trasportare dalla corrente viene ricordato – Però in una confusione del genere, dove l’omologazione è il carattere principale e non è un caso che alla radio si confondano le voci di molti artisti, c’è qualcuno che continua a procedere secondo i propri tempi e non si fa travolgere da tutto il resto. Chissà per quale motivo, ma due cantautori che devono essere inseriti nell’insieme dei “controcorrente” sono entrambi siciliani e catanesi. Mi riferisco a Franco Battiato e Carmen Consoli. Senza nulla togliere al Maestro e volendoci soffermare sulla sua giovane collega, in questi minuti c’è grande attesa per il suo nuovo singolo. Una suspense, un interesse che non tutti, ormai, riescono a suscitare. Solo chi non si fa trasportare dalla corrente viene ricordato e provoca simili sentimenti. Così la cantante nata a Catania nel 1974, tra poche ore, tornerà nelle radio e nelle case di chi lo vorrà. Dopo l’album “Elettra”, ecco il nuovo singolo “L’abitudine di tornare”, che dalla mezzanotte sarà in rotazione radiofonica e disponibile in tutti gli store digitali. Il brano, che già desta parecchia curiosità, farà da apripista al nuovo album, in uscita il prossimo 20 gennaio su etichetta Universal Music. Staremo a vedere quali temi verranno affrontati, ma dal post pubblicato sulla pagina ufficiale facebook di Carmen Consoli si inizia a comprendere il contenuto delle nuove canzoni: «Una storia aspra raccontata con fierezza dalla sua protagonista, una musica lieve che corre veloce al ritornello. Una storia a lieto fine, come nelle fiabe, dove la difficoltà iniziale si trasforma in gioia».

I racconti di Carmen Consoli e il tour 2015 – Carmen Consoli racconta storie, l’ha sempre fatto e quindi non sorprende la cover del singolo, un disegno che riporta nel fantastico mondo del Mago di Oz. In realtà si tratta anche dell’ispirazione per il video che accompagna la traccia. Un tema che sarà presente nella clip diretta da Fernando Luceri e realizzata attraverso le suggestive scenografie di Gianfranco Protopapa. Carmen Consoli, nel video Dorothy, incontra sulla sua strada uomini e donne, ognuno segnato da una ferita invisibile: «Seguendo insieme le note segnate sulla “via di mattoncini gialli”, ognuno di loro troverà, grazie agli altri, gli strumenti per rendere più felice il proprio cammino: il cuore, il coraggio e la saggezza – impersonati rispettivamente dall’uomo di latta (una fanciulla, nel video), il leone codardo e lo spaventapasseri. E, alla fine, tutti insieme arriveranno alla grande festa». Torna la voce unica e particolare della Sicilia. Tra qualche boato dell’Etna, le onde del mare, il canto delle cicale, la poesia di Franco Battiato, ecco che l’isola del Mediterraneo riabbraccia le parole e la musica di un’artista che è un tutt’uno con questa terra.

Il ritorno discografico di Carmen Consoli è accompagnato anche da quello live ed ecco, di seguito, le tappe del Tour 2015:

  • 9 aprile – Porto San Giorgio (FM), PalaSavelli
  • 11 aprile – Roma, Palalottomatica
  • 13 aprile – Milano, Mediolanum Forum
  • 14 aprile – Torino, Pala Alpitour
  • 16 aprile – Modena, PalaPanini
  • 18 aprile – Firenze, Nelson Mandela Forum
  • 22 aprile – Jesolo, Pala Arrex
  • 24 aprile – Rimini, 105 Stadium
  • 27 aprile – Bari, PalaFlorio
  • 28 aprile – Napoli, PalaPartenope
  • 30 aprile – Acireale (Ct), Palasport Tupparello

© Riproduzione Riservata

Commenti