L’affetto di una comunità per Fabio – Giornata strana, particolare nella città di Taormina. Oggi la perla dello Jonio ricorda Fabio D’Urso e si stringe alla moglie e ai due figli. Un grande dolore per una persona che ha lasciato troppo presto, a soli 42 anni, questo mondo. L’ha fatto con velocità. In pochi mesi una malattia fulminante l’ha portato via. Quando ieri sera abbiamo dato la triste notizia, la redazione di Blogtaormina è stata invasa dall’affetto e dalla vicinanza della popolazione locale per Fabio D’Urso. Su facebook il post della notizia ha sfiorato le 75 mila visualizzazioni, mentre sul sito si viaggia sulle 10 mila. Per non parlare dei commenti di condoglianze e di dolore. Sono numeri freddi, me ne rendo conto, ma sottolineano il valore umano di Fabio D’Urso. Mettono in evidenza l’affetto della gente per l’ex assessore del comune di Taormina. E’ questo quello che colpisce. E’ questo quello che non verrà mai dimenticato. Il sentimento affettuoso di una comunità per un uomo che se n’è andato troppo presto.

Raneri: «La politica taorminese non dimentichi quello che Fabio ha fatto per la città» – In queste ore è inutile parlare di altro. Non serve porre in risalto le tematiche che animano il dibattito pubblico di Taormina. Oggi è il momento del ricordo di Fabio D’Urso. Per questo motivo abbiamo deciso di raccogliere qualche testimonianza di chi lo conosceva, dei suoi amici e colleghi politici. Eugenio Raneri, attuale consigliere comunale del gruppo “Insieme si può” di cui faceva parte anche D’Urso, conosceva Fabio da diverso tempo. Raneri era presidente del Consiglio comunale quando Fabio D’Urso era assessore al Bilancio nell’amministrazione guidata dall’ex sindaco Mauro Passalacqua. «Ho conosciuto Fabio nel 2008 – dice Raneri a Blogtaormina. Quello che non posso dimenticare sono gli scontri sulle strategie che si dovevano adottare, ma finito il Consiglio comunale quello che rimaneva era il suo sorriso. Mai asti, nessuna contrapposizione. Così è stato negli anni a venire, quando abbiamo approfondito la nostra amicizia. Al di là delle visioni politiche che avevamo, ci scambiavamo idee e strategie per il bene di Taormina. Man mano la nostra amicizia si è sempre più rafforzata. Una grande vicinanza l’abbiamo avuta nei momenti elettorali, dove abbiamo trovato sempre un’intesa sui vari punti programmatici. Ricordo con piacere il suo matrimonio e la nascita dei figli, i quali purtroppo hanno perso un padre. Mi auguro che la politica taorminese, che in questo momento sta affrontando una grande perdita, non dimentichi quello che Fabio ha fatto per Taormina. L’impegno morale è di stare vicino alla sua famiglia».

D’Aveni: «Non portava rancore e rispondeva sempre con un sorriso disarmante» – Un pensiero è arrivato anche dall’attuale presidente del Consiglio comunale. Antonio D’Aveni, in particolar modo, ha sottolineato le doti umane di D’Urso: «L’amico Fabio era una persona sempre allegra e con il sorriso sulle labbra. Era solare. Per quanto riguarda la politica, invece, affrontava i problemi con grande serietà ed era astuto, nel senso positivo della parola. Nonostante la giovane età aveva grande esperienza. Quello che non dimenticherò mai è che non portava rancore e rispondeva sempre con un sorriso disarmante». L’editore di Blogtaormina, Maurizio Andreanò, ha voluto ricordare Fabio D’Urso mettendo in risalto la positività che traspariva dal suo modo di fare: «Non dimenticherò mai il suo volto sempre sorridente e quel modo particolare di parlare tra il serio e il faceto, che era in grado di strapparti un sorriso». Anche il vicesindaco di Taormina, Ivan Gioia, si è voluto soffermare sul ricordo del sorriso «dell’amico Fabio». «Mi piace ricordarlo – ha aggiunto il componente della giunta Giardina – con un aneddoto. Il giorno del mio primo Consiglio comunale mi disse: “Caro assessore Gioia, le faccio i complimenti e le voglio ricordare che nella posizione in cui si trova in questo momento vorrebbero stare tutti”. Lo ricorderò con grande affetto e un pensiero va ai suoi bimbi». La cittadinanza può stringersi al dolore della famiglia in queste ore, dove presso il comune è stata allestita la camera ardente. Mentre domani alle 11, al Duomo di Taormina, ci saranno i funerali.

© Riproduzione Riservata

Commenti