Prendendo spunto dalla campagna di sensibilizzazione del FAI “I luoghi del cuore”, che tanto successo e interesse ha riscosso da quando il progetto è nato nel 2003, il 13 novembre a Modica presso il Liceo Scientifico, sono state organizzate le primarie della cultura, dal titolo dall’idea al progetto. Ricordiamo che i “Luoghi del Cuore” è un censimento a cadenza biennale che il Fondo Ambiente Italiano, in collaborazione con il gruppo bancario Intesa San Paolo, organizza per invitare gli italiani a segnalare luoghi cari e importanti che si vorrebbero fossero ricordati e conservati. Attraverso il censimento il FAI poi sollecita le Istituzioni locali e nazionali competenti affinché riconoscano l’interesse dei cittadini italiani verso le bellezze locali e mettano a disposizione le forze necessarie per il recupero di uno o più luoghi segnalati.

Le primarie sono una sorta di campagna elettorale ai beni culturali, ai monumenti, al territorio siciliano e in particolar modo a quello Ibleo, di sensibilizzazione appunto alla campagna del FAI, mediante la quale collegandosi al sito del Fondo Ambiente Italiano, si vota in diretta il luogo che si ama nel territorio sud-orientale della Sicilia, al fine di valorizzare quei siti, che a volte sono sconosciuti. Le primarie sono state organizzate all’unisono dall’Osservatorio Interpartitico Pari Opportunità Sicilia, Regione siciliana, Sovrintendenza Beni culturali di Ragusa, Fondazione Teatro Carlo Terron Regione Sicilia insieme con molte Associazione che operano nel Ragusano in una scuola eccellenza del territorio proprio per sensibilizzare e coinvolgere i giovani.  Con questo tavolo operativo della cultura si apre un dialogo su che cosa s’intende per corretta politica culturale del territorio siciliano e quello specifico Ibleo, mediante una priorità degli interventi sui siti, che possono essere motori di turismo, quindi, sviluppo e ricchezza dei territori medesimi.

Alle primarie partecipa Gianna Dimartino, esperta europea, guida di Creativity Europe Programmazione europea 2014-2020 che spiegherà tecnicamente come accedere ai fondi europei. L’Osservatorio Regionale Interpartitico per le pari opportunità ha ripreso l’idea delle primarie dell’ambiente e della cultura che ha lanciato e organizzato via internet lo scorso anno il FAI seguendo il percorso che va dalla politica culturale alla progettualità del territorio. L’idea dell’Osservatorio è di incentivare progetti di turismo e cultura in tutta la Sicilia, creare una rete dove i soggetti più attivi devono essere le donne e i giovani. Solo così la cultura può divenire motore di sviluppo.

[hr style=”dashed”]

[Modica, Foto Harvey Barrison/ Flickr 2014]

© Riproduzione Riservata

Commenti