Il Pd Taormina sceglie una renziana della prima ora – “Nei tempi bui e difficili, non ci può essere spazio per la rassegnazione; anzi, bisogna rimboccarsi le maniche e lavorare, insieme”. Con questo spirito Lisa Bachis è diventata la nuova coordinatrice del circolo del Partito Democratico di Taormina. Una svolta per il Pd locale, che fino a qualche giorni fa era stato guidato da Christian Coslovi. L’assemblea, riunitasi mercoledì pomeriggio presso la saletta dei Salesiani, ha votato all’unanimità la Bachis come punto di riferimento dell’azione politica democratica. Lisa Bachis è una renziana della prima ora e questa decisione, con ogni probabilità, fa arrivare anche nella perla dello Jonio l’impronta che Matteo Renzi ha voluto e sta cercando di dare al suo partito in tutto il territorio. In realtà è un processo che sta avvenendo con lentezza, a causa di problemi nazionali e locali. Proprio in Sicilia, però, dove il “renzismo” fatica a mostrare il volto originale del presidente del Consiglio, la scelta dei democratici di Taormina va in controtendenza. Non è stato premiato un renziano dell’ora tarda, ma una donna che ha creduto dal primo momento all’idea del premier.

Le esigenze del territorio – Il primo obiettivo della Bachis è quello di guardare alle esigenze del territorio: “In un momento difficile come questo, in cui la nostra città annaspa e si barcamena in una strenua sopravvivenza, il Partito democratico, è chiamato ad esserci. Il termine “esserci” è indicativo del portare avanti un percorso politico, che anzitutto si fonda sul trinomio turismo-cultura-ambiente. Taormina, è città a vocazione turistica e questo suo destino, poggia sull’immenso patrimonio storico, architettonico, di usi e tradizioni e sul paesaggio, sull’ambiente. Ma la città è anche un territorio vasto e complesso, composito nelle sue frazioni. L’impegno assunto da me e dal coordinamento, è quello di ricreare sinergia di forze e spirito di comunità per Taormina” e per realizzare tutto ciò dovrà fare affidamento anche sulla squadra che la circonda, che è formata da Antonella Garipoli, Francesca Gullotta, Daniela Monaco, Carmela Rossello, Sergio Cavallaro, Alessandro Costa, Giuseppe Lo Turco e Alberto Ponturo.

Il primo cambiamento sta nel linguaggio – In attesa delle prime decisioni e delle azioni del Pd sul territorio, si può registrare un cambio di linguaggio rispetto al passato. Una deviazione che è una conseguenza dei repentini cambi della società, che bisogna saper cogliere. Il politico che guarda ai cittadini e non si chiude nella torre d’avorio del politichese è uno degli imperativi categorici di Matteo Renzi e sulla scia di un pensiero del genere, la nuova coordinatrice del Pd Taormina, Lisa Bachis, ha detto: “L’azione di un partito deve proseguire oltre la sfera amministrativa e dialogare con le associazioni ed i cittadini, dato che noi siamo, prima di tutto, cittadini. Abbiamo dunque necessità di ascoltare le esigenze della città tutta e interloquire con le varie forze in campo, siano esse sociali, politiche e imprenditoriali. Occorre anche non dimenticare che non ci si può isolare ma si deve far rete in una visione politica comprensoriale, per creare collante tra i comuni e le realtà della ricca fascia costiera ionica. Ciò significa, andare a vedere con i nostri occhi gli esempi degli altri e vuol dire anche non attendere che gli altri vengano da noi, bensì andare noi da loro. Mi riferisco alla collaborazione con gli altri circoli del Partito democratico e dell’importanza nel fare proposte concrete e trovare soluzioni, che vadano incontro ai bisogni reali delle persone. E naturalmente, non dimentico il confronto a livello provinciale, regionale e nazionale, che non possono essere esclusi”.

[hr style=”dashed”]

[Lisa Bachis nuova coordinatrice del circolo del Pd Taormina – Foto di Andrea Jakomin / Blogtaormina (CC) 2014]

© Riproduzione Riservata

Commenti