Se twitter è l’opportunità per sfogarsi – Quando Pippo Franco cantava quel motivetto orecchiabile “mi scappa la pipì papà”, non poteva immaginare che a distanza di molti anni quelle strofe sarebbero state riadattate a uno dei social network più famosi del mondo. Si tratta di twitter, che in questi giorni, dopo la partita tra Juventus e Roma che si è trasformata in un vero e proprio caso politico, è stato teatro, da parte di protagonisti e spettatori, di frecciatine, frasi inopportune e in alcuni casi cancellate, proprio come fanno i bambini, quando commettono una marachella e dopo essersene resi conto si tirano indietro e fanno finta di niente. Il big match tra Juventus e Roma ha messo in luce un difetto della società contemporanea. Quello di non saper usare in modo corretto i social network, che spesso e volentieri vengono utilizzati come mezzi per sfogarsi. Quante volte abbiamo letto commenti al veleno contro qualcosa o qualcuno?

Juve-Roma su twitter – Bene (si fa per dire), anche dopo la partita del campionato italiano e a causa delle proteste del dopo gara, si è scatenato un vero e proprio putiferio. Hanno aperto le danze l’allenatore giallorosso Rudi Garcia e la moglie del presidente bianconero Andrea Agnelli. Il tecnico della Roma ha detto che «a mente fredda… questa partita fa veramente del male al calcio Italiano!». Invece Emma Winter Agnelli, in risposta alle dichiarazioni di Francesco Totti sulla Juventus, ha scritto: «Mi auguro che vada via e giochi nel suo campionato». Però non finisce qua, perché Leonardo Bonucci, ripreso dallo staff della nazionale, aveva invitato i giocatori della Roma a sciacquarsi la bocca. Nello scontro verbale si è inserito anche Pavel Nedved che in tv ha detto che Totti parla in quel modo, perché non è abituato a giocare in un grande club.

Da Icardi a Balotelli, quando scappa il tweet –  Immediata la replica di una tifosissima del numero dieci della capitale, la giornalista Valentina Bisti del Tg1, che su twitter scrive e poi cancella questa frase: «#Nedved non vali neanche uno scarpino di #Totti». Però non ci sono soltanto i battibecchi virtuali tra juventini e romanisti. Sin troppo celebri sono diventati i tweet dell’attaccante dell’Inter Mauro Icardi che, con poca eleganza, non manca mai di esternare la sua storia con Wanda Nara, ex dello sbeffeggiato Maxi Lopez. Oppure come non citare Mario Balotelli, che su twitter si becca sempre insulti sia dei tifosi avversari che dei propri. Si, ci vuole un gran talento. Insomma, twitter è diventato il nuovo palcoscenico in stile Processo di Biscardi? E’ diventato quel luogo dove invece di rasserenare gli animi e utilizzare una buona dose di ironia, si getta benzina sul fuoco? A quanto pare è proprio così e quindi…«mi scappa il tweet, mi scappa il tweet papà. Non ne posso proprio più, io lo scrivo qui».

© Riproduzione Riservata

Commenti