TaoClickL’importanza della fotografia – «Dire che la macchina fotografica non può mentire, equivale semplicemente a sottolineare le numerose frodi che vengono compiute in suo nome. Al punto che il cinema, preparato dalla fotografia, è divenuto sinonimo di fantasia e d’illusione, trasformando la società in quello che Joyce definiva un al nights newsery reel (una bobina di pettegolezzi per tutte le sere), dove alla realtà si sostituisce un mondo reel (che significa bobina, ma con un assonanza ironica con real, reale). Joyce la sapeva più lunga di chiunque altro sugli effetti della fotografia sui nostri sensi, sul nostro linguaggio, e sui nostri processi mentali». Con questa frase il sociologo canadese Marshall McLuhan sottolineava la centralità della fotografia nella vita quotidiana, quella di tutti i giorni. Nell’epoca delle continue innovazioni tecnologiche, la fotografia non passa mai di moda. Si adegua al tempo e così le mostre fotografiche riescono a raccogliere un grande interesse.

TaoClick prolunga la mostra al bar Mocambo – E’ il caso della prima mostra della giovane associazione fotografica TaoClick, che considerando l’interesse suscitato e la visita del grande fotografo Ferdinando Scianna, è stata prolungata di venti giorni e rimarrà aperta al pubblico fino al 20 ottobre. La passione e l’amore per la fotografia è un elemento determinante nella riuscita dell’evento. La professionalità dei protagonisti ha fatto la differenza. Ernesto De Luna (presidente dell’associazione), Andrea Jakomin, Rogika (alias Roberto Mendolia), Alfio Barca, Vincenzo Rao, Concetto Lo Giudice, Augusto Filistad, Salvatore Tudisco, Giovanni Coccoli, Eugenio Raneri, Saverio De Luna, Franco Motta, Giorgio Sapuppo, Giovanni Russotti, Giulio Greco e Lillo Flamingo Beach, hanno messo a disposizione dei veri e propri scatti d’autore. Delle fotografie che hanno suscitato l’interesse delle persone, perché immortalano momenti, istanti della vita. Può apparire banale, ma nell’età in cui tutto scorre con grande celerità e la velocità è l’imperativo categorico delle società occidentali, soffermarsi su una foto e su quello che può trasmettere, è un’opportunità da non farsi sfuggire.

Il grande fotografo Ferdinando Scianna con il presidente TaoClick Ernesto De Luna
Il grande fotografo Ferdinando Scianna con il presidente TaoClick Ernesto De Luna

Le foto e il tempo – Si può guardare una delle foto proposte da TaoClick e riflettere sulle sensazioni che ci suscita e su cosa ci fa venire in mente. La fotografia, quella fatta bene, quella messa in mostra al bar Mocambo di Taormina dall’associazione TaoClick, può essere una sorta di sollievo dallo stress quotidiano. Un momento in cui staccare la spina e provare a fuggire dal vortice delle nostre vite. Un paesaggio, un volto umano (quello dell’altro), il blu del mare, il verde di una collina, un albero spoglio. Non a caso il titolo della mostra è “Away, viaggiare nelle immagini”. In effetti queste foto permettono di andare al di là dei confini del tempo. Già, quel qualcosa che oggi spesso ci sfugge e inseguiamo può tornare di nuovo nelle nostre mani. La fotografia può invertire questa tendenza, almeno per qualche minuto, può farci ri-diventare protagonisti del tempo. Un concetto che per il pensatore tedesco Martin Heidegger poteva riassumersi in questa frase tratta dal suo libro “Essere e tempo”: «L’esserci, l’essere umano, compreso nella sua estrema possibilità d’essere, è il tempo stesso, e non è nel tempo». Visitare questa mostra, quindi, può essere un’occasione per fermarsi e tornare a essere protagonisti delle nostre vite.

[hr style=”dashed”]

© Riproduzione Riservata

Commenti