Balat, acronimo che sta per “Beni artistici per un lavoro attivo sul territorio”, è una fondazione costituita a Palermo, dove ha la sua residenza, da un gruppo di professionisti che hanno in comune le origini siciliane. La missione statutaria dell’associazione è di farsi soggetto proponente e sviluppatore di progetti finalizzati al recupero e alla valorizzazione di siti di rilevanza artistica e/o culturale sparsi sul territorio siciliano. Balat vuole portare in Sicilia il binomio strategico cultura/turismo, mai preso in considerazione dai politici e dalle classi dirigenti. La Sicilia può offrire numerosi luoghi di cultura ricchi di storia e unici al mondo. Sfortunatamente oggi molti di questi luoghi d’arte e di cultura si trovano in condizioni di degrado, richiedono con urgenza un’adeguata manutenzione e dovrebbero essere maggiormente valorizzati. Mettere la Sicilia al centro del Mediterraneo, farla diventare culla della cultura, significherebbe tanti visitatori tutto l’anno, sviluppo economico e civile per l’intera Sicilia.

Balat, per avviare questo circolo virtuoso, raccoglie le proposte che arrivano dal territorio e le sviluppa, partendo da un rigoroso studio di fattibilità e attivando le giuste relazioni con gli enti regionali e/o locali referenti per ciò che concerne l’iter amministrativo. Troppi sono i fondi comunitari che tornano in Europa senza essere utilizzati, per questa ragione Balat si occupa di predisporre correttamente le domande per l’accesso ai finanziamenti europei. Nel corso del 2014, Balat ha già avviato la sua prima iniziativa. Ha sviluppato il progetto preliminare della riqualificazione del Teatro Politeama a Palermo e l’ha donato al Comune che dovrà adesso fare in modo che il progetto abbia tutti i nullaosta necessari e accedere ai fondi comunitari.

La Fondazione mette a disposizione dei cittadini tre competenze essenziali per la realizzazione delle idee proposte: la competenza progettuale, la competenza di accedere alle risorse finanziarie e di condurre a termine i progetti, coordinandone l’iter tecnico amministrativo. Balat, sopperisce al vuoto politico e istituzionale sui temi riguardanti il territorio e la sua cultura e fa da trait d’union tra la società civile e il governo regionale o le amministrazioni locali, svolgendo così un ruolo di stimolo verso la realizzazione concreta di progetti di recupero e valorizzazione di luoghi storici e artistici ma anche un ruolo educativo verso i beni culturali visti come volano della crescita economica e sociale della nostra incantevole isola.

© Riproduzione Riservata

Commenti