Il Ticino, è il Cantone che si trova più a sud della Svizzera e viene definito “un angolo di Mediterraneo tra i monti”. Non manca nulla, il clima è piacevole, ci sono numerosissimi laghi, che hanno delle spiagge meravigliose con la sabbia finissima e acque che rubano il colore al cielo. Ci sono i monti e i boschi, il verde dei prati. Tra i laghi più noti, ci sono Ascona, Locarno e Lugano ma ci sono anche dei piccoli scrigni preziosi: Astano, Castagnola, Caslano, Melide. Il Lago Maggiore con i suo 80.000 metri di lido dà l’idea, di cosa voglia dire sentirsi sul Mediterraneo.

A Locarno, non mancano le vasche termali, le piscine, ed offre servizi per grandi e piccini; adatto anche a soggiorni familiari. La regione dei laghi, è una vera e propria “riviera della Svizzera”, che ha spazi dedicati ai bambini, come le vasche e gli scivoli ed offre puro divertimento anche ai grandi. La notte si può andare a fare l’aperitivo e cenare nei ristoranti più alla moda. Ci sono le zone per lasciarsi andare ai trattamenti benessere, e concedersi piacevoli momenti di tranquillità.

Però, ciò che qui, regna sovrano, è la Natura, perché i laghi, sono circondati da tutto quello che si può desiderare per vivere in armonia con essa. Chi ama, le lunghe passeggiate, e le escursioni, sarà accontentato. Ci sono 3.000 chilometri di sentieri e si può cercare il binomio sport-cultura con la possibilità di vedere le testimonianze della vita rurale e delle valli montane oppure oltre all’abbinamento sentiero e visita culturale, c’è quello, sentiero-sport avventuroso. Uno degli sport più conosciuti è quello delle dighe “enormi muraglioni di calcestruzzo che trattengono milioni di metri cubi d’acqua e che si possono sfruttare come pareti da scalare a mani nude”, come la diga del Luzzone, la via artificiale più lunga del mondo con i suoi 160 metri. E poi c’è la Diga della Verzasca, da cui ci si tuffa da 220 metri d’altezza con l’elastico.

Camminare, muoversi all’aria aperta, stare a prendere il sole sul lungo lago, mette appetito e anche qui c’è la possibilità di effettuare sia percorsi legati alla natura, sia itinerari enogastronomici. C’è un incontro di tradizioni qui nel canton Ticino; la tradizione italiana si fonde con quella del Nord Europa. Non manca il buon vino e c’è l’attenzione nel preparare un buon caffè. Attraverso la rete delle “strade del Vino”, si possono gustare i vini direttamente presso chi li produce. E chi vuol gustare i cibi della cucina tipica, può andare in un “grotto” che è una specie di locale rustico per respirare il clima conviviale della zona e assaggiare i cibi preparati con i prodotti coltivati dai propietari.

Le vacanze al lago, sono una valida scelta alternativa al mare e consentono di girare anche i borghi storici del Cantone e visitare meravigliosi castelli, come quelli di Bellinzona che nel 2000 sono stati inseriti dall’Unesco, nel Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Sono tre castelli che insieme alle mura di cinta della città, vennero eretti in epoca medievale. La loro funzione era quella di “sbarrare l’accesso della valle del Ticino alle popolazioni del Nord e di controllare i pedaggi e la via verso il S. Gottardo”. I tre castelli “Castelgrande”, “Montebello” e “Sasso Corbaro” sono la maggiore attrattiva della città di Bellinzona. Al “Castelgrande”, si può avere accesso tramite un ascensore che dalla base della collina porta direttamente dentro il maniero. Oppure ci si può arrampicare tramite le ripide viuzze, che dalla città vecchia s’inerpicano fin su alla porta principale del castello, che si apre nel tratto sudorientale delle mura. Un modo per proseguire nella scelta sentieristica della vacanza. E una volta su, restare folgorati dalla bellezza del paesaggio e “rendere grazie” per il ricco lascito della storia.

[hr style=”dashed”]

[hr style=”dashed”]

[Foto in copertina di Alessandro Mariani]

© Riproduzione Riservata

Commenti