In estate – si sa – si tende spesso a mangiare in modo più irregolare e meno sano del solito. Può capitare di cenare fuori per più sere consecutive e di cambiare radicalmente le proprie abitudini alimentari, ad esempio soggiornando all’estero e imbattendosi in una nuova cucina. Ma – dovunque e in qualsiasi momento della giornata ci si cibi – è importante portare con sé alcune regole generali, per evitare di rovinare bei momenti di condivisione con intossicazioni alimentari e altri disturbi.

Innanzitutto bisogna cercare di non abbandonare mai radicalmente le proprie usanze quotidiane, pretendendo all’improvviso dal proprio organismo qualcosa che non è abituato a sostenere (che si tratti di cibo, alcool etc.). Anche quando si viaggia all’estero, è bene individuare prodotti il più possibile freschi e genuini e conoscere sempre tutti gli ingredienti di un piatto, per evitare problemi con intolleranze etc.

Bisogna variare la propria dieta e – preferibilmente – non far mancare mai in essa frutta e verdura. Per quanto concerne queste ultime, è fondamentale averne la massima cura, posizionarle subito in frigorifero o in freezer dopo la spesa e consumarle prontamente oppure congelarle. Tali cibi sono infatti delicati e soggetti – in estate più che mai – all’attacco di batteri. Il frigo e il freezer non vanno inoltre riempiti eccessivamente, perché la temperatura interna potrebbe abbassarsi, e non vanno tenuti aperti più del tempo necessario.

Quando ci si appresta a fare un pic-nic, l’ideale è preparare i panini e le altre pietanze già a casa e riporli in una borsa termica per conservarli meglio. In questo modo si eviterà anche di appoggiare i cibi su ripiani che potrebbero essere poco puliti.

In conclusione, in estate è quanto mai importante fare attenzione alla propria alimentazione, curare l’igiene dei prodotti e saper scegliere quelli giusti, ovviamente non facendo mancare mai la necessaria idratazione, consumando molta acqua e bevande sane. Buone vacanze!

© Riproduzione Riservata

Commenti