Soulful Sicilian Cooking Antoinette Silicato

Un “saporito” omaggio ai tanti americani ospiti di Taormina è quello che il salotto letterario di “Spazio al Sud”, ospite dell’Excelsior Palace Hotel, propone alle 18:30 di giovedì 3 luglio, vigilia della festa nazionale USA. Protagonista del programma organizzato dall’associazione “Arte & Cultura a Taormina” – sostenuto dal Comune di Taormina, Taormina Arte, Associazione Imprenditori e sponsorizzato da Associazione Albergatori, Metropole Taormina Maison d’Hôtes ed Ottica Fiumara – sarà, infatti, il libro in lingua inglese ”Soulful Sicilian Cooking” (“Cucina siciliana sentimentale”), scritto da Antoinette Silicato, cantante statunitense dalla splendida voce di soprano, con alle spalle una lunga carriera di solista in prestigiosi cori Gospel, Spiritual e formazioni pop-jazz. Un omaggio targato “stelle e strisce” che “Arte & Cultura” ha fortemente voluto includere nel variegato ventaglio dei propri appuntamenti letterari nella consapevolezza che la tradizione gastronomica, trainante valore aggiunto alla offerta turistica di un Paese, è parte integrante della cultura e dell’identità di un popolo e del suo territorio.

Siciliana “di ritorno”, Antoinette Silicato esibisce con orgoglio nell’albero genealogico due nonni, nativi di Mongiuffi Melia e San Filippo del Mela, emigrati in USA nel lontano 1908 che, oltre al cognome tipicamente siciliano, le hanno trasmesso l’amore per la Sicilia e l’attaccamento per le sue tradizioni culinarie. Un amore che 25 anni fa la portò per la prima volta nella terra dei suoi antenati e che in questi anni si è talmente rafforzato da farla ritornare così tante volte che non solo ha acquisito la doppia nazionalità, ma l’ha indotta a trasferirsi dagli USA mettendo su casa in Sicilia, sua seconda patria. Un amore che l’ha indotta a scrivere di dosi per manicaretti, gelosamente custodite in famiglia, e di succulente prelibatezze “made in Sicily” perché anche oltre Oceano potessero apprezzare ed amare aromi e sapori tipicamente mediterranei. Così,frutto di un’appassionata “ricerca” condotta negli ultimi anni anche nelle ospitali cucine isolane di parenti ed amici, ”Soulful Sicilian Cooking” si presenta come un “gustosissimo” – sotto ogni aspetto – libro di ricette tipiche siciliane, condite da Antoinette con aneddoti e riferimenti a melodie e cantanti che hanno segnato la sua storia di musicista, da “O sole mio” e Pavarotti a Nat King Cole e Frank Sinatra, da Irving Berlin a Barbra Streisand a Puccini, passando, naturalmente, per i vividi ricordi ed i consigli della Nonna Giuseppina.

Un ricettario siciliano, scritto in inglese, per un pubblico anglo-sassone, da una americana: toccherà a Milena Privitera, impeccabile conduttrice degli incontri di “Spazio al Sud”, fare da traduttrice e, sfoderando il suo perfetto inglese, andare eventualmente in soccorso di Antoinette se la scrittrice, abbandonato l’italiano ancora zoppicante e simpaticamente venato da un persistente accento yankee, preferirà raccontarsi, e raccontare la sua storia di “immigrata di ritorno”, nel ben più conosciuto e familiare idioma americano.

[hr style=”dashed”]

A “tasty” homage to the many American visitors to Taormina is what the literary salon of “Space in the South”, guest of the Excelsior Palace Hotel, proposes at 6:30 p.m. on Thursday, July 3rd, eve of National Day USA. The protagonist of the program organized by “Art & Culture in Taormina” association – supported by the City of Taormina, Taormina Arte, Entrepreneurs Association and sponsored by Hotel Association, Metropole Taormina Maison d’Hôtes and Optics Fiumara – will be, in fact, the book in English language “Soulful Sicilian Cooking” (“Cucina Siciliana Sentimentale”), written by Antoinette Silicato, an American singer from the beautiful soprano voice, with a long career as a soloist in prestigious Gospel choirs, Spiritual and pop-jazz formations. A tribute labeled “Stars and Stripes” that “Art & Culture” strongly wanted to include in its diverse range of literary appointments in the knowledge that the gastronomic tradition, driving added value to the tourism of a country, is an integral part of the culture and identity of a people and its territory.

Siciliana “of return”, Antoinette Silicato proudly displays two grandfathers in the family tree, native Mongiuffi Melia and San Filippo del Mela, emigrated to the U.S.A. in the far 1908 that, in addition to the typical Sicilian surname, transmitted her the love for Sicily and the attachment for its culinary traditions. A love that took her 25 years ago for the first time in his ancestors’ land, and that in recent years has strengthened so as to make her back so many times that not only she has acquired dual nationality, but it induced her to move to the U.S. setting up house in Sicily, her second country. A love that has inspired her to write doses for dainties, jealously kept in family, and succulent deliciousnesses “made in Sicily” because also beyond the ocean could appreciate and love the typically Mediterranean aromas and flavors. Thus, result of passionate “research” conducted in in the last few years in the hospitable island kitchens of relatives and friends, “Soulful Sicilian Cooking” presents itself as a “very tasty” – in every aspect – book of typical Sicilian recipes, seasoned by Antoinette with anecdotes and references to melodies and singers that have marked her history as a musician, from “O sole mio” and Pavarotti to Nat King Cole and Frank Sinatra, from Irving Berlin to Barbra Streisand to Puccini, going by, of course, for the vivid memories and the suggestions of Grandma Josephine.

A Sicilian recipe book, written in English language, for an Anglo-Saxon public, by an American woman: it’ll be up to Milena Privitera, impeccable conducting of the meetings of “Space in the South,” act as a translator and, displaying her perfect English, to go possibly in Antoinette help if the writer, left the Italian still limping and nicely veined by a persistent Yankee accent, will prefer to tell, and tell her history of “immigrant of return”, in the most well-known American idiom.

© Riproduzione Riservata

Commenti