Taormina, l’opportunità del calciomercato

Il progetto “Calciomercato a Taormina” – Sembra di essere alle battute finali. Il calciomercato potrebbe trovare la sua nuova sede invernale a Taormina. La perla dello Jonio dovrebbe ospitare la sessione di gennaio dei trasferimenti calcistici. Un evento che con il trascorrere degli anni è diventato sempre più importante nel mondo del pallone e così si comprende come una decisione del genere attirerebbe l’attenzione di molti sulla cittadina in provincia di Messina. Per trenta giorni, e anche qualcosa in più, Taormina diventerebbe il centro del calcio italiano. Il luogo si trasformerebbe in un mese “piatto” come gennaio e dopo le vacanze natalizie, nella meta per giocatori in procinto di trasferirsi da una squadra all’altra, per procuratori, per presidenti e per tutti i media nazionali, in primis Sky sport, che seguono con particolare attenzione il mercato invernale. Da Milano a Taormina il passaggio sarebbe simbolico, perché mai un evento del genere è giunto nel sud Italia.

L’incontro decisivo a settembre – L’idea è stata avanzata dal Comune di Taormina (con il sindaco Eligio Giardina), dal servizio turistico regionale (con il responsabile del Str-Taormina, Salvo Giuffrida), dalla Confindustria turismo e alberghi (con il presidente Sebastiano De Luca) e dall’associazione albergatori di Taormina (con il presidente Italo Mennella). La Figc e la Lega calcio stanno studiando le carte e le parti si incontreranno a settembre per ufficializzare la positiva conclusione della trattativa. Sembra che dietro tutto ciò ci sia un desiderio di rivoluzionare il calcio italiano. E se i cambiamenti concreti tardano ad arrivare, almeno si può iniziare a modificare l’estetica di questo sport. In tal senso si sta spendendo molto l’avvocato Claudio Pasqualin, il quale sostiene la necessità di un calciomercato itinerante sia per provare a smuovere l’ambiente, sia per modernizzare la sede dove si svolgono le trattative.

L’instabilità dell’amministrazione comunale potrà influire nella decisione finale? – In attesa dell’ufficializzazione e a quanto pare sarà soltanto questione di settimane, Taormina si prepara ad ospitare un evento ambito da più città. Se in questi giorni giungono sporadicamente campioni e semplici giocatori in vacanza, nel mese di gennaio potrebbe esserci un cambio radicale. Dal punto di vista economico potrebbe essere una scossa per albergatori, commercianti e ristoratori. Inoltre il marchio Taormina tornerebbe con maggiore frequenza sulla stampa nazionale, in questo caso su quella sportiva, e non è da sottovalutare l’aspetto glamour con gossip al seguito. In un contesto del genere, però, la difficoltà maggiore è rappresentata dall’amministrazione comunale che è alquanto traballante, per utilizzare un generoso eufemismo. Potrebbe essere un problema per l’assegnazione da parte della Figc e della Lega calcio? A meno di sorprese no, anche se l’inefficienza del comune, qualora nei prossimi mesi dovesse degenerare, potrebbe creare diversi fastidi e a quel punto lo storico e affascinante nome di Taormina rischierebbe di passare in secondo piano.

[hr style=”dashed”]

[Foto copertina Andrea Jakomin]

© Riproduzione Riservata

Commenti