È iniziato il Taormina Film Fest: tanto rumore per nulla si potrebbe obiettare! Già perché una domanda sorge certamente spontanea: a chi giova davvero un Festival del Cinema organizzato e gestito così? Forse a qualcuno che non è riuscito a “crearsi uno spazio altrove” e sfrutta la Perla per fare passerella con un contorno di VIP piú o meno “stagionati”…!

Quel che appare certo è che non giova senz’altro all’immagine di Taormina. Senza minimamente volere sminuire il lavoro di quanti con grande abnegazione, anche se da mesi non percepiscano stipendio, si sono spesi per fare nonostante tutto “accendere le luci”! Ma una volta calato il sipario cosa resterà a Taormina e ai suoi residenti di una siffatta manifestazione?

Di richiamo internazionale manco a parlarne, dato che oramai da anni il Festival del Cinema viene letteralmente disertato dalle più importanti testate giornalistiche nazionali e non se parla neanche più di tanto in quelle specialistiche! Il nome di Taormina viene solamente sfruttato da personaggi che hanno solo l’interesse a farne sfoggio nei salotti buoni capitolini! Ai dipendenti di Tao Arte sono stati chiesti sacrifici e poi si notano sfarzi e sprechi che davvero non seguono alcuna logica: cocktail e presentazioni in prestigiosi alberghi pieni di “imbucati”, perché poi pagherà “qualcun’altro”…!

Sono solo bei ricordi i tempi del David di Donatello e quando a calcare la scena del Teatro Antico vi erano Cary Grant, Audrey Hepburn, Liz Taylor con Richard Burton e registi del calibro di Federico Fellini e non un “certo Ben…”! Che Taormina e il suo Festival del Cinema siano stati dimenticati dai politici “che contano” è un qualcosa che è talmente evidente a tutti da non necessitare ulteriori commenti: lo si è visto chiaramente dato che pur di partire si è reso necessario fare l’elemosina per pochi spiccioli: sono lontani i tempi in cui giravano i miliardi…! Eppure di soldi intorno al Festival ne girano ancora parecchi anche se oggi vengono utilizzati per i “selfie”!

Urge rivedere la struttura organizzativa, provvedere alla creazione di una Fondazione per poter accedere ai fondi Europei, ma occorre cambiare metodo di gestione, mentalità e soprattutto la politica, prima che il sipario cali definitivamente su Taormina e sul suo Festival!

© Riproduzione Riservata

Commenti