Cracovia Star Miasto

Cracovia è una città di cui è stato Vescovo prima che diventasse Papa con il nome Giovanni Paolo II, Karol Wojtyla. Cracovia dunque città di fede e di speranza, fu questa la prima impressione che ebbi non appena raggiunta la Stare Miasto il cuore del centro storico medioevale. Stare Miasto è la più grande piazza medioevale d’Europa, dominata dalla imponente Chiesa in stile gotico dedicata all’Assunzione della Vergine, chiamata semplicemente Santa Maria (Kosciol Mariacki) con due torri campanarie slanciate di diverse altezze, oggetto di una invero simile leggenda. Si narra infatti che i costruttori furono due fratelli, gelosi l’uno dell’altro, facevano a gara per edificare ciascuna delle torri una più alta dell’altro. Uno dei fratelli ultimata la torre, uccise il fratello per impedirgli di terminare l’altra torre, per cui le torri hanno altezze diverse.

Cracovia è stata la capitale storica della Polonia fino al 1600 circa, il centro storico è stato inserito nell’anno 1978 nella prima lista dei siti del patrimonio dell’umanità. Ma nonostante ciò, il cuore della città presenta le prime sofferenze derivanti dall’assalto della commercializzazioni di prodotti globali delle catene commerciali internazionali che omogeneizzano i tratti tipici della identità dei centri storici dei singoli paesi. Infatti come a Praga, Budapest, Olanda, Cairo, ed in ogni parte del mondo, le attrazioni dello Stare Miasto comprendono innanzitutto il negozio di Hard Rock, ed una serie di ristoranti originali ed occidentalizzati.

La piazza del Mercato di dimensioni ridotte, la Rynek Główny ancora conserva una sua identità architettonica così come le numerose chiese tra cui oltre alla citata Chiesa di Santa Maria, la chiesa di San Wojciech ed edifici e Palazzi in stile neogotico quali ad esempio il palazzo ex Fondaco dei tessuti “Sukiennice (che attualmente ospita negozi di souvenir di dubbia manifattura, destinati principalmente ai turisti) localizzato al centro della Stare Miasto.

Nella stessa piazza l’osservatore attento apprezza il Palazzo Zbaraskich museo Nazionale, la torre del Municipio in stile gotico (Wieza Ratuszowa) residuo dell’antica sede municipale di Cracovia, demolita agli inizi del XIX secolo, il barbacane (una torre difensiva che un tempo faceva parte delle mura, nei pressi della porta Floriana), ed il castello del Wawel, ex sede del regno polacco che si affaccia sul fiume Vistola.

Una delle sedi del museo Nazionale, il museo Czartoryski, ospitava la celeberrima Dama con l’ermellino di Leonardo da Vinci ora visitabile nel castello del Wawel. Tuttavia nonostante le intrusioni commerciali, per effetto della globalizzazione delle risorse, la Stare Miasto si caratterizza per la sua forte bellezza, armonia e decoro, ma ancor di più per la straordinaria cura degli interni delle Chiese, suggestive per la straordinaria cura degli interni, tutelate dagli abitanti stessi e frequentate dai fedeli che per anni hanno conservato gelosamente gli arredi sacri, che oggi possono essere ammirate dai visitatori provenienti dai vari paesi del mondo.

© Riproduzione Riservata

Commenti