Giro, il sigillo di Quintana 660x330

Nairo Quintana vince anche la cronoscalata del Monte Grappa con il tempo di 1.05’37” e mette un sigillo sul successo finale al termine di una grande cronoscalata culminata con il duello personale con uno strepitoso Fabio Aru giunto secondo a soli 17 secondi, mentre gli altri sono giunti con distacchi piu’ ampi: terzo Uran a 1’26”, quarto Rolland a 1’57”, quinto Pozzovivo a 2’24”, sesto Pellizzotti a 3’22”, settimo Majka a 3’28”, mentre Evans è giunto undicesimo a più di quattro minuti.

Adesso Quintana ha 3’07″ su Uran, 3’48″ su Aru (finalmente entrato in zona podio), 5’26” su Rolland, 6’16” su Pozzovivo, 6’59″ su Majka, 9’25” su Evans e 9’29” su Kelderman: domani i corridori sono attesi dall’ultima grande fatica di questo Giro, la salta dello Zoncolan dove (vista la situazione di classifica) i grandi punteranno innanzitutto a vincere un’altra grande tappa e bisognerà vedere se Fabio Aru (oggi protagonista di una grandissima prova) sara’ in grado di sferrare un altro grande attacco magari anche per scalzare Uran dalla seconda posizione in classifica.

Per il resto i giochi sono quasi fatti con un altro colombiano, Julian Arredondo (vincitore della tappa di ieri) in maglia blu della classifica degli scalatori, poi il francese Nacer Bouhanni in maglia rossa della classifica a punti il quale (come gli altri velocisti rimasti) attende ormai la tappa finale a Trieste per giocarsi l’ultima vittoria di tappa, mentre pure la maglia bianca e’ di Quintana sebbene in corsa la indossa Aru.

Anche oggi sul percorso della tappa si è avuta una grandiosa cornice di pubblico, nonostante sulla salita finale (come accade puntualmente ogni anno) i tifosi sono arrivati ad avvicinarsi troppo ai corridori disturbando la loro prova e rischiando di farli cadere: a questo punto sarebbe il caso che l’organizzazione di corsa arrivi a transennare il percorso non soltanto negli ultimi metri ma anche su tutto il tracciato di queste tappe per evitare che in futuro si vengano nuovamente ad avere queste situazioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti