Nazionale, i 31 di Prandelli per Brasile 2014: ci sono anche Rossi e Cassano

L’attesa lista dei pre-convocati della Nazionale italiana per i Mondiali in Brasile è arrivata. Fra i 31 selezionati, ci sono i 23 che partiranno per la spedizione mondiale e le cui identità saranno note entro il 2 giugno. Fra le “sorprese”, la presenza di Giuseppe Rossi e Antonio Cassano e l’esclusione di Alberto Gilardino. Polemiche in rete per la convocazione di Giorgio Chiellini dopo la tripla squalifica rimediata in campionato per la gomitata a Pjanic durante Roma-Juventus. Ecco la lista completa dei 31:

PORTIERI: Gianluigi Buffon (Juve), Salvatore Sirigu (Psg), Mattia Perin (Genoa), Antonio Mirante (Parma)
DIFENSORI: Giorgio Chiellini (Juve), Andrea Barzagli (Juve), Leonardo Bonucci (Juve), Gabriel Paletta (Parma), Andrea Ranocchia (Inter), Christian Maggio (Napoli), Mattia De Sciglio (Milan), Ignazio Abate (Milan), Matteo Darmian (Torino), Manuel Pasqual (Fiorentina)
CENTROCAMPISTI: Andrea Pirlo (Juve), Daniele De Rossi (Roma), Riccardo Montolivo (Milan), Claudio Marchisio (Juve), Thiago Motta (Psg), Marco Verratti (Psg), Antonio Candreva (Lazio), Romulo (Verona), Alberto Aquilani (Fiorentina), Marco Parolo (Parma)
ATTACCANTI: Mario Balotelli (Milan), Antonio Cassano (Parma), Giuseppe Rossi (Fiorentina), Alessio Cerci (Torino), Ciro Immobile (Torino), Mattia Destro (Roma), Lorenzo Insigne (Napoli).

Andiamo ora ad analizzare le scelte di Cesare Prandelli. Una prima novità è rappresentata proprio dal numero di convocati: 31 anzichè 30, per la decisione di chiamare quattro portieri. Dei 31, otto dovranno rinunciare all’avventura brasiliana, quando la lista sarà ridotta a 23 nomi. Giuseppe Rossi, Antonio Cassano e Mattia Destro sono i principali “outsiders”, insieme a Manuel Pasqual, Romulo e Marco Parolo. Alberto Gilardino guida invece la squadra dei “delusi”, che comprende anche calciatori come Davide Astori ed Emanuele Giaccherini. Per il resto, sostanziali conferme.

Non appena il Commissario tecnico renderà noti i nomi definitivi, il gruppo potrà cambiare solo in caso di infortuni, fino a 24 ore prima del “debutto di lusso” del 14 giugno contro l’Inghilterra. Altri allenatori, come il futuro avversario, Roy Hodgson, e il ct del Giappone, Alberto Zaccheroni, hanno scelto di diramare direttamente la lista dei 23. Ma Prandelli intende prima sciogliere il “nodo Rossi” e capire, attraverso le tre settimane in gruppo e l’amichevole contro l’Eire, se Pepito – dopo il pesante infortunio – è davvero pronto per affrontare l’avventura mondiale.

La pubblicazione della lista non ha mancato di scatenare polemiche fra gli “internauti”. In particolare, Prandelli è diventato bersaglio di ironia e sarcasmo per aver convocato Giorgio Chiellini, nonostante la squalifica di tre turni con la prova tv per la gomitata a Pjanic di domenica scorsa. Per i tifosi, infatti, il “Codice etico” spesso adottato dal ct viene applicato solo a intermittenza…

© Riproduzione Riservata

Commenti