Marco Pannella

Dopo il malore nella serata di pasquetta che ha colpito Marco Pannella e imposto un intervento per un aneurisma dell’aorta addominale con rottura della branca iliaca sinistra, sono arrivati tramite i social network i messaggi di sostegno e solidarietà bipartisan dal mondo della politica. È stata Giorgia Meloni, esponente di Fratelli d’Italia, a lanciare l’hashtag su twitter #ForzaMarco, mentre Francesco Nicodemo, responsabile comunicazione del Pd, ha scritto “semplicemente #forzaMarco”, il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri ha postato un messaggio di solidarietà al leader radicale “avversario su tanti fronti ma militante generoso e infaticabile”, Pierferdinando Casini ha scritto “Auguri @MarcoPannella. È bello continuare a non essere d’accordo con te”, Riccardo Nencini, segretario Psi e viceministro delle infrastrutture ha detto: “Forza Marco, ti aspettiamo. L’Italia delle libertà ha ancora bisogno di te”, mentre Daniele Capezzone, ex radicale e oggi con Forza Italia, ha invitato Pannella a “non fare scherzi”.

Marco Pannella è stato operato d’urgenza al policlinico Gemelli di Roma e la prognosi è riservata, anche se lo storico politico dei radicali non dovrebbe essere in pericolo di vita. In questo momento si trova nel reparto di rianimazione e terapia intensiva e ha subito un intervento di ri-protesizzazione aortica e by pass femoro-femorale. Rita Bernardini, esponente di spicco dei radicali, fa sapere che le condizioni di Pannella sono stabili. Il politico italiano, che il 2 maggio compierà 84 anni, se non subentreranno complicazioni potrebbe uscire dalla terapia intensiva nelle prossime 48 ore. Si attende il prossimo bollettino medico. Intanto Francesco Fedele, ordinario di cardiologia dell’Università Sapienza di Roma, parla ai media e afferma: “Sappiamo che Pannella non è certo un esempio di prevenzione cardiovascolare, ma bisogna dire che è uno di quei rari casi in cui il fisico ha resistito molto bene negli anni, nonostante ad esempio il fumo. In questo caso l’aneurisma può essere semplicemente un fenomeno degenerativo dovuto all’età, oppure essere dovuto alla pressione alta non adeguatamente controllata”.


© Riproduzione Riservata

Commenti