Salvo Cilona Seconda Parte Intervista Politica

Lo stallo politico venutosi a creare a Taormina non sembra avviarsi alla conclusione: il fatto che il consigliere comunale Salvo Brocato (a nome di otto colleghi, della ormai ex maggioranza) abbia dichiarato durante l’ultima seduta del civico consesso, che Bruno De Vita ha deciso di ritirare la propria candidatura a Liquidatore dell’ASM, non sembra aver di fatto allentato la tensione: appare evidente a tutti che le frizioni all’interno della ex maggioranza siano tali che non sia possibile “ricucire lo strappo”. Ciò spiega perché il Sindaco Eligio Giardina abbia annunciato durante il consiglio comunale di voler procedere alla nomina di una “giunta tecnica” o sarebbe meglio definirla “giunta del Sindaco”.

Certamente la tensione è ampiamente diffusa ovunque e non solo riconducibile ai due schieramenti contrapposti, che vedono da un lato i consiglieri facenti capo a Bruno De Vita e dall’altra parte i colleghi della lista “Taormina Città Viva” (Carmelo Valentino, Alessandra Caltabiano) che fanno capo all’ex vicesindaco ed assessore al turismo Salvo Cilona. A questo punto pare sempre più improbabile che venga riconfermata la rosa di nomi della vecchia giunta: Salvo Cilona, Pina Raneri, Andrea Carpita, Enzo Scibilia.

L’aria che si respira a Palazzo dei Giurati è diventata talmente esplosiva che durante una delle ultime sedute del consiglio comunale si è arrivati a un vero e proprio scontro fisico tra l’ex assessore Enzo Scibilia e il consigliere di “Area Cilona” Carmelo Valentino, mentre quest’ultimo stava pacatamente relazionando sullo stato dei lavori della via Crocifisso, di recente riaperta. Anche se pare vi siano state delle “scuse”, la situazione non può considerarsi definitivamente rientrata. Noi abbiamo sentito ai nostri microfoni sui “veri problemi ” che attanagliano la Città proprio Salvo Cilona e con lui abbiamo parlato ad esempio dello stato in cui versa la piscina comunale dopo il recente maltempo che la ha di fatto resa inutilizzabile e della riduzione dei posti letto in vari reparti del nosocomio Taorminese sito in contrada Sirina, problema questo evidenziato durante la recente riunione della commissione Sanità dell’ ARS, avvenuta a Palazzo dei Giurati qualche tempo addietro alla presenza dell’ Assessore Regionale al ramo Lucia Borsellino. In quell’occasione i membri della commissione avevano garantito che non vi sarebbe stato alcun ” taglio” al San Vincenzo, ma che alcuni reparti sarebbe stati posti “sotto osservazione” per circa un anno. Nei fatti, dati alla mano, la riduzione di posti letto è stata invece evidente, come anche recentemente sottolineato dal Prof. Francesco Ferraù, Primario di Oncologia Medica a Taormina.

Non vorremmo che accada ciò che abbiamo già visto con altri Assessori Regionali, sempre a Taormina e vada in scena un “film già visto”! Se ricorderete anche con Michela Stancheris, Assessore Regionale al Turismo è avvenuto qualcosa di analogo, con i “promessi ” finanziamenti per Taormina Arte: nell’aula consiliare la Stancheris aveva parlato di un contributo aumentato da 350.000 a circa 900.000 euro per la kermesse Taorminese, salvo poi scoprire successivamente, che in realtà la cifra prevista realmente era di poco superiore ai 600.000 euro. Un cifra talmente esigua che non riesce davvero possibile pensare di organizzare una manifestazione degna della Perla: pensate che ai tempi della Lira a Taormina Arte erano stati destinati ben 14 miliardi.

Taormina non si può assolutamente permettere di essere utilizzata dai politici come “passerella”, salvo poi nei fatti rimanere sostanzialmente abbandonata!

Foto Andrea Jakomin

[youtube]https://www.youtube.com/watch?v=q-p9ufkbnX4[/youtube]

© Riproduzione Riservata

Commenti