Taormina. Incontro sul turismo

TAORMINA – Si è tenuto nei giorni scorsi un interessante incontro sul turismo a Palazzo dei Giurati, voluto dal nuovo Dirigente dell’STR (Servizio Turistico Regionale) Salvatore Giuffrida e moderato da Pancrazio Faraci. All’incontro hanno partecipato vari operatori turistici, agenti di viaggio, guide turistiche, direttori d’albergo e alcuni albergatori. Per la prima volta inoltre era presente buona parte dello staff dell’STR di Taormina, ringraziato dallo stesso Giuffrida per la collaborazione prestata.

Grazie alla loro disponibilità – ha detto Giuffrida – è stato possibile garantire l’apertura degli uffici il Sabato durante la stagione turistica. Si è purtroppo registrata per l’ennesima volta la totale assenza della politica e in particolare dell’amministrazione comunale. Sono seguiti vari interventi tra cui quello di Nino Florio, Fichera ed Eddy Tronchet: Tronchet ha particolarmente voluto sottolineare l’importanza di intensificare la lotta all’abusivismo nel settore turistico, che risulta essere sempre piú dilagante e la necessità di migliorare la gestione e valorizzazione dell’Isolabella.

Alfio Auteri, Presidente della Fondazione Mazzullo, ha ricordato il ruolo e l’importanza di questa prestigiosa istituzione nell’ambito dei circuiti culturali. Piero Benigni ha parlato dell’importanza dei contatti avuti di recente con Enit, Alitalia e giornalisti tedeschi, volto al potenziamento del più importante mercato turistico della Perla e che grazie a 5 nuovi voli a settimana, provenienti da Germania ed Austria, potrà notevolmente contribuire a risollevare l’economia cittadina.

Piacevole “l’intervento fiume” di Diana Calandruccio, in rappresentanza della Saistours, che ha fatto la cronistoria del turismo negli ultimi decenni a Taormina e ha sollecitato una maggiore attenzione e collaborazione da parte dell’amministrazione cittadina: “è un peccato che altre amministrazioni si rivelino disponibili a venirci incontro e siamo costretti ad organizzare gli eventi altrove!”. Si è anche posta l’attenzione sulla necessità di organizzare dei workshop a Taormina, di creare un museo degno di questo nome e di aumentare le cifre destinate dalla Regione a Taormina Arte, che allo stato attuale ha a disposizione poco piú di 600.000 Euro per organizzare il tutto: cifre davvero risibili se paragonate al passato! Ha tratto le conclusioni Giuffrida che si è dichiarato soddisfatto e si è riproposto di indire ulteriori incontri in futuro, ai quali ci auguriamo vi sia una maggiore partecipazione di albergatori, commercianti e soprattutto della politica!

© Riproduzione Riservata

Commenti