Stancheris conferma:

TAORMINA (ME) – L’attesa visita dell’assessore al Turismo della Regione Siciliana Michela Stancheris si è finalmente concretizzata sabato scorso. Una dimostrazione di interesse che necessariamente vi è stata sempre nei confronti della Perla, da parte di tutti i Governi isolani che si sono succeduti negli anni. Un’aula consiliare gremita ha accolto la giovane Bergamasca ed alte erano le aspettative di operatori commerciali, albergatori e politici presenti, data l’età dell’assessore, il che può rappresentare un’innegabile segno di “innovazione”.

Vi erano seri timori per la “sopravvivenza” di Taormina Arte dato che il finanziamento era stato ridotto ad appena 350.000 euro, adeguati ad organizzare una “fiera paesana” e non certamente un Festival di respiro internazionale. L’assessore Stancheris ha confermato le voci che circolavano e cioè che la cifra stanziata era stata aumentata sino a 900.000: certamente non c’è da “cantare vittoria”, ma è pur sempre meglio di prima. Sappiamo bene che oggi la “coperta è sempre troppo corta” e proprio l’assessorato al turismo è uno di quelli che ha subito i tagli più drastici. Gli anni dei finanziamenti “miliardari”, degli sprechi e della “manciugghia”, sono diventati un ricordo, non tanto perché l’onestà la “faccia da padroni”, bensì perché oramai di soldi “non c’è ne sono più”! Duole constatare però che i tagli avvengono spesso nel settore del Turismo e dei Beni Culturali, che potrebbero invece, con un’oculata gestione, rappresentare uno dei volani dell’economia Italiana. Ma d’altra parte sino a quando vi saranno in politica persone, in passato chiamate a gestire Ministeri chiave, come quello dell’Economia, che hanno pure affermato che con la “cultura non si mangia”, non andremo molto lontano…!

Ritornando a Taormina l’assessore Stancheris ci ha raccontato dei contatti avuti con i tour operator durante le recenti Fiere Internazionali del Turismo, alle quali si è recata, in particolare l’ITB di Berlino e la Fiera del Turismo Crocieristico di Miami. Il Presidente dell’associazione Albergatori di Taormina Italo Mennella ha sottolineato il fatto che bisogna puntare sui “workshop”. Si è tornato a parlare del Casinò di Taormina e dei David di Donatello ed anche l’assessore Stancheris ha convenuto sul fatto che sarebbe assolutamente opportuno che la Perla rientrasse in possesso, di ciò che le è stato ingiustamente scippato: la casa da gioco e i Premi Cinematografici, che poi per giunta sono stati relegati in un anonimo Teatro Romano, cornice ben diversa, rispetto allo spettacolare Teatro Greco di Taormina.

Si è parlato anche di potenziare le infrastrutture e di aumentare il numero di voli verso la Sicilia, grazie a degli accordi con le compagnie aeree: spesso le stesse pretendevano un contributo in denaro, per garantire alcune destinazioni. Va tuttavia ricordato che questa procedura è stata vietata da Bruxelles, poiché trattasi di “concorrenza sleale”! Si è parlato di alcuni temi certamente non nuovi, ma ad esempio appare interessante prendere atto che tra i progetti della Stancheris, vi è quello di puntare sulla valorizzazione dei sentieri: non dimentichiamoci che il trekking rappresenta in molti Paesi una nicchia di mercato molto appetibile.

Il segretario della Fisascat-Cisl di Taormina Pancrazio Di Leo, ha posto l’attenzione sulla drammatica situazione che sta colpendo il settore ed in particolare alcune strutture ricettive. È emerso tra l’altro che risulta sempre più necessario effettuare una programmazione degli eventi in tempo utile affinché si riesca a creare dei pacchetti che poi possano essere venduti sui mercati esteri: altrimenti molte manifestazioni risultano essere praticamente inutili e rischiano di creare solo un “surplus” di spettacoli nei mesi estivi, creando solo caos e non arrivando mai ad una seria politica di destagionalizzazione. Un’ulteriore elemento da non trascurare e che costituisce una forte attrattiva dell’Isola, sui mercati del Nord Europa, come recentemente dichiarato ai nostri microfoni, durante il recente meeting dei Club Forza Silvio della Sicilia tenutosi a Taormina, dal coordinatore Senatore Vincenzo Gibiino, risulta essere il “differenziale termico” che la Trinacria vanta nei mesi invernali.

Di alto spessore l’intervento del Commissario della Provincia di Messina Dr. Filippo Romano che ha posto l’attenzione sull’importanza e sul ruolo delle istituzioni, in particolar modo alla luce della riforma in atto che porterà alla costituzione dei Liberi Consorzi di Comuni e delle Città Metropolitane.

Duole invece constatare, come anche sottolineato in chiusura dall’assessore Stancheris, che operatori, imprenditori commerciali ed albergatori della Perla, si siano ancora una volta mossi in “ordine sparso” e non presentando un progetto comune che potesse essere seriamente valutato e finanziato dai competenti uffici regionali. Si sono comunque poste le basi per un fattivo “prossimo futuro”…!

https://www.youtube.com/watch?v=BxAsOROyO0U

Foto copertina e fotogallery di Andrea Jakomin / Blogtaormina

© Riproduzione Riservata

Commenti