Salva Roma, via libera dal Cdm. Aumento Tasi

Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al decreto sugli enti locali che contiene le nuove misure cosiddette “salva Roma“, dopo che il decreto che mette in sicurezza i conti della Capitale era stato ritirato mercoledì scorso a seguito dell’ostruzionismo del M5s e della Lega Nord. Ma ha anche approvato la possibilità per i Comuni di aumentare la Tasi fino allo 0,8 per mille per introdurre detrazioni. La Tasi è l’imposta che finanzia i servizi indivisibili come il trasporto pubblico locale, l’anagrafe e l’illuminazione delle strade.

Abbiamo approvato il decreto Tasi: è stato stabilito che per ciascuna tipologia di immobile vi sarà una flessibilità dello 0,8 per mille”, ha detto il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Graziano Delrio, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi al termine della riunione del Cdm.

Nel provvedimento che abbiamo approvato è contenuta la cancellazione della cosiddetta web-tax“, ha aggiunto Delrio.

Mentre Renzi ha confermato su twitter: ”Rimossa la web tax, ne riparleremo in un quadro di normativa europea”.

 

Il Consiglio dei ministri ha approvato inoltre il recepimento di una direttiva europea che prevede l’inasprimento delle sanzioni per lo sfruttamento sessuale dei minori. Lo ha annunciato il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, nel corso di una conferenza stampa a palazzo Chigi al termine della riunione.

© Riproduzione Riservata

Commenti