Matteo Renzi dopo le consultazioni

Al termine della giornata di consultazioni, è arrivato l’annuncio di Matteo Renzi: “Entro sabato sciolgo la riserva”. Ci sono quindi le condizioni per la nascita dell’esecutivo guidato dal segretario Pd.

In serata l’incontro con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, per informarlo dell’esito dei confronti; poi un paio di giorni al lavoro “per redigere un programma sulle riforme concrete che partono dai tagli dei costi della politica”; quindi formazione della squadra e presentazione al Senato e alla Camera per il voto di fiducia.

Intenso e complicato il mercoledì di Renzi, che ha incontrato i rappresentanti dei tre principali partiti. In particolare, breve (circa 10 minuti) ma discusso il face to face con Beppe Grillo, fortemente voluto dall’elettorato del MoVimento 5 Stelle. Il leader M5S si è reso protagonista di un vero e proprio monologo. “Non sei credibile, esprimi potere marcio”, ha detto a Renzi, rifiutando un dibattito sui punti programmatici. Questo, davanti a una buona fetta dell’elettorato e non solo, dato che l’incontro si è svolto in diretta streaming.

Precedentemente, il neo incaricato aveva avuto un faccia a faccia con la delegazione di Forza Italia e con Silvio Berlusconi. Quest’ultimo, ha inviato segnali di distensione: “Sono molto contento di vedere un premier che ha la metà dei miei anni”. L’idea del suo partito è quella di stare all’opposizione e di decidere tema per tema. In coincidenza dell’incontro, nell’agenda Renzi ha fatto ingresso il tema giustizia, alimentando qualche sospetto sul collegamento fra questa mossa e l’intervento del Cavaliere.

Quanto all’incontro col Partito Democratico, ecco il commento del capogruppo alla Camera, Roberto Speranza: “Abbiamo svolto un colloquio assolutamente positivo con Renzi molto impegnato e determinato per provare a costruire un governo di svolta. A Renzi abbiamo espresso la condivisone del Pd rispetto alla sfida che ha davanti”.

Sempre in giornata, Matteo Renzi ha visto anche il governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, con cui ha affrontato i temi economici e delle riforme in vista del semestre di presidenza europea.

© Riproduzione Riservata

Commenti