Mediterraneo Fund

Il giorno 19 Febbraio 2014 presso Palazzo Steri di Piazza Marina a Palermo sarà presentato Equi Mediterraneo Fund, un nuovo strumento finanziario operante nel settore del capitale di rischio esclusivamente dedicato alle aziende del Centro-Sud.

Il fondo si rivolge prevalentemente alle PMI operanti nel centro-sud Italia, in fase di sviluppo e con ambizioni di crescita, interna ed esterna, con preferenza per lo sviluppo nell’ambito del commercio internazionale.
Lo scopo del Fondo è la valorizzazione del patrimonio dello fondo stesso – sostiene uno dei fondatori, il  Fund Manager Antonio Censabella – con l’obiettivo di garantire una redditività adeguata al capitale investito, attraverso operazioni ed interventi di sostegno finanziario, diretto ed indiretto, a favore delle imprese di piccole e medie imprese non quotate prevalentemente del centro-sud Italia.

In particolare il Fondo mediante l’investimento del proprio patrimonio persegue i seguenti obiettivi:

  • Favorire la patrimonializzazione delle PMI per permettere un più facile accesso al credito e sostenere progetti di sviluppo a medio-lungo termine, specialmente al fine di favorire una più ampia presenza sui mercati esteri.
  • Incentivare il processo di integrazione tra le PMI appartenenti allo stesso settore od operanti nello stesso distretto industriale; appartenenti a settori adiacenti;operanti a monte o a valle di un medesimo processo produttivo o di servizi, consentendo così la nascita di di realtà aziendali caratterizzate da una dimensione più significativa, in grado di rafforzare la propria competitività nei rispettivi settori e di indirizzarsi sempre più verso i mercati internazionali.

In sintesi  l’obiettivo di questo strumento sarà quello di fornire a favore delle PMI del centro-sud Italia, un sostegno finanziario nell’ambito di operazioni di “expansion”, finalizzate a finanziare lo sviluppo di imprese gia’ avviate al fine di consentirne l’espansione geografica e merceologica. Il Fondo investirà prevalentemente in imprese nei settori dell’industria, del commercio, dei servizi e del terziario in generale, dotate di una buona solidità patrimoniale, di un’adeguata redditività attuale e/o prospettica, e di un significativo potenziale di creazione del valore. In particolare i settori specifici di investimento saranno: Agro-Alimentare, Aerospazio, Automazione Industriale, Automotive, Beni di Consumo, Beni di Lusso, Biotech, Informatica, Elettronica, Energia, Food & Beverage, ICT, Infrastrutture, Manifatturiero, Prodotti e Servizi per l’Industria, Retail, Robotica, Servizi Finanziari, Telecomunicazioni, Trasporti e Logistica.

© Riproduzione Riservata

Commenti