Michela Stancheris

PALERMO – Difficile trovare una adeguata definizione per la giunta regionale siciliana, ma credo che quella di una “barca di Greci” possa essere sufficientemente calzante. Questa volta la trasferta milanese alla BIT (Borsa Internazionale del Turismo ndr), costata ai contribuenti ben 148.000 euro è finita nel peggiore dei modi e sollevando una quantità enorme di strascichi polemici.

Doveva rappresentare un “cambiamento di rotta” e invece è finita con una lite all’ombra della “Madunnina” tra l’Assessore Regionale al Turismo Michela Stancheris e il noto critico d’arte Prof. Vittorio Sgarbi, presente per conto della Regione Sicilia, quale curatore di una grande mostra. Tutto parte dalle dichiarazioni sulla mafia di Sgarbi: “In Sicilia si combatte una mafia che non c’è più, tutta l’antimafia si basa su un concetto di mafia che non esiste da 20 anni“. Parole che suscitano la replica della “stagista esperta in snowboard”: “Sgarbi parla della Sicilia per stereotipi, ma forse lui stesso è uno stereotipo antico!” La controreplica del Professore ve la risparmio, probabilmente l’appellativo di “capra” (non può essere considerata offesa come da Sentenza della Suprema Corte di Cassazione a riguardo) è la parola più adatta per la “serata degli innamorati”. D’altra parte il critico è noto per “non mandarle a dire”…!

Ma senza dubbio il fatto più grave è rappresentato dal mancato inserimento del Ciclo delle Rappresentazioni Classiche di Siracusa all’interno del cartellone pubblicistico della Borsa meneghina. Tra l’altro proprio quest’anno si festeggia il centenario della Fondazione dell’INDA (Istituto Nazionale del Dramma Antico ndr) sotto la cui egida si organizzano gli spettacoli al Teatro Greco. L’INDA, nata nel 1913, grazie all’iniziativa del Conte Mario Tommaso Gargallo, portò il 16 aprile 1914 all’inaugurazione del primo ciclo di rappresentazioni con l'”Agamennone” di Eschilo.

Tutto ciò ha portato alle vibranti proteste del Sindaco (Renziano) della Cittadina Aretusea, Giancarlo Garozzo. L’Assessore Stancheris, qualche giorno fa dichiarava agli organi di stampa: “Per potenziare il turismo in Sicilia è necessario aumentare il numero dei voli“. La “scoperta dell’acqua calda”! La stessa inoltre sosteneva che: “il rilancio del turismo isolano passava da un miglioramento delle competenze“… si dell’Assessorato!

© Riproduzione Riservata

Commenti