Messina: la precisazione di Giuseppe Ministeri sugli “spettacoli fantasma”

MESSINA – “Non so bene di cosa si stia parlando, non avendo ancora ricevuto, notificato alcunché”, afferma Giuseppe Ministeri.

“Leggo i primi titoli e ricostruzioni, e mi vien da pensare che il mio problema è di averne fatti troppi, di spettacoli, con debiti che mi porterò dietro per i prossimi anni. Cretino, dunque, più che altro. Comunque, se scevro da ammucchiate e discorsi da bar, è cosa buona e giusta il controllo da parte della Guardia di Finanza. Sono in qualsiasi momento disponibile al confronto”.

E’ questa la precisazione di Giuseppe Ministeri, Presidente Daf – Associazione Culturale, citato nell’ambito dell’inchiesta della Guardia di Finanza di Palermo sul presunto sistema di frode messo in piedi da imprenditori operanti nel settore teatrale ai danni della Regione Siciliana, nell’ambito degli interventi a sostegno delle attività teatrali per l’anno 2008. Due anni di indagini della Guardia di finanza di Palermo sfociate nella denuncia di 72 persone per truffa aggravata e falso. Falsificazioni documentali, messa in scena di spettacoli “fantasma”, false attestazioni, costi dichiarati ma mai effettivamente sostenuti, contributi previdenziali non versati, utilizzazione di fatture false. Sono alcune delle condotte irregolari emerse dopo L’indagine, che ha interessato strutture con sede in tutto il territorio regionale attraverso  mirate verifiche soggetti economici aventi titolo a percepire i contributi previsti dalla Legge, finalizzati a promuovere lo sviluppo delle attività teatrali ed a favorirne la diffusione, erogati dall’Assessorato Regionale dei Beni Culturali ed Ambientali e della Pubblica Istruzione.

Si dice estraneo ai fatti il presidente della Daf-Associazione culturale, e si tiene a completa disposizione delle Fiamme Gialle per qualsivoglia accertamento.

Ad onor del vero bisogna dire che chi, come me, si occupa di cultura e spettacolo, non può non riconoscere all Daf e alla persona di Giuseppe Ministeri, un intenso e concreto impegno negli anni, per la promozione e la diffusione della cultura a Messina e non solo. Diversi, e di alto livello sono gli spettacoli targati Daf, realizzati nel territorio e dei quali ho potuto personalmente testimoniarne il successo.  Ci auguriamo pertanto che venga al più presto fatta chiarezza sull’intera vicenda, lasciando a chi di dovere il compito di far emergere la verità sui fatti.

© Riproduzione Riservata

Commenti