registro delle unioni civili

Via libera del Consiglio comunale alle unioni civili e al relativo registro a partire da aprile.

Sono giorni molto frenetici per la politica taorminese, vista l’urgenza e l’importanza dei punti all’ordine del giorno. Ieri il civico consesso ha affrontato il tema delle  unioni civili e del relativo registro, argomento molto delicato dato che affronta delle problematiche su cui spesso l’opinione pubblica si divide: bisogna contemperare l’esigenza di chi vuole “farsi riconoscere dei diritti” e chi invece è piuttosto interessato ad “una cerimonia” a Palazzo dei Giurati. Si è infatti parlato di un vero e proprio tariffario per le “cerimonie”, mentre la mera iscrizione nell’apposito registro, deve avvenire a titolo gratuito. È un argomento di cui si è parlato parecchio ultimamente, anche in virtù del fatto che il Commissario dello Stato Prefetto Carmelo Aronica, ha impugnato un articolo della “Legge di Stabilità” (ex Finanziaria ndr) presentato in tal senso dalla Giunta Crocetta. Il consiglio comunale ha quindi deciso di dare attuazione alla delibera a partire dal mese di aprile, nella speranza che nel frattempo gli organi superiori si esprimano a riguardo: trattandosi di problematiche che afferiscono alla parte più intima e personale dell’individuo a riguardo dovrà dire la sua anche il Governo nazionale.

A Taormina sono stati presentati alcuni emendamenti, che una volta approvati costituiranno parte integrante della delibera: si è voluta ad esempio, sottolineare l’equiparazione tra residenti e stranieri, essendo la città a vocazione turistica. A causa dell’ora tarda, i capigruppo hanno convenuto, di rinviare, qualsiasi decisione riguardo l’altro punto all’ o.d.g. (l’ASM), sia per la complessità, che per la delicatezza dell’oggetto alla successiva assemblea fissata per domani giovedì 13 c.m. Non dobbiamo però dimenticarci che entro il 15 febbraio dovrà essere inviato alla Corte dei Conti, il piano di “riequilibrio finanziario”, che la Giunta targata Giardina, insieme ai competenti uffici sta predisponendo in queste ore e che dovrà prima transitare dal consiglio comunale. Si tratta della vera “patata bollente” e che necessiterebbe anche un tempo adeguato di trattazione, data la mole di documenti da analizzare! Quasi certamente quindi, domani si affronterà questo tema e il capitolo ASM, verrà rinviato a data da destinarsi…! Martedì 18 febbraio, infatti non si potrà neanche parlare di ASM e della eventuale sostituzione del Commissario Liquidatore perché all’interno dell’aula consiliare è prevista una riunione della VI Commissione consiliare ARS alla presenza dell’assessore Lucia Borsellino.

Come vedete si tratta di ritmi davvero frenetici e ci possiamo solo augurare, che non vi siano “ulteriori intoppi” che potrebbero costituire un serio pregiudizio dati i tempi tecnici ristretti: sarebbe stato opportuno non ridursi all’ultimo momento!

© Riproduzione Riservata

Commenti