I Within Temptation tornano con Hydra 660x330

Idra o anche Hydra. Questo era il termine utilizzato nella mitologia greca per definire la figlia di Echidna e Tifonea, allevata da Era. Descritta come un grosso serpente marino, era dotata di nove teste, la centrale delle quali immortale. Hydra era velenosissima. Poteva uccidere un uomo solo con il respiro. Era velenoso il suo sangue. Erano velenose le sue orme. Era una delle Dodici Fatiche di Ercole, che aveva il compito di ucciderla. E’ il titolo del nuovo album dei Within Temptation, che si rivela imprevedibile proprio come l’idra. Sono ormai lontani i tempi di Mother Earth e The Cross. Il gruppo olandese ormai è cresciuto e si è adattato ai tempi attuali. I fan potranno rimanere disorientati da questo cambio improvviso di musicalità, ma sicuramente non delusi dalle sonorità e dal buon livello dei componimenti. L’ambientazione gotica è meno accentuata, ma le atmosfere cupe e rarefatte si percepiscono ugualmente. La carica di Dangerous e i riff coinvolgenti e dinamici di Paradise rendono l’idea dell’impronta differente data volontariamente all’album, meno classicheggiante rispetto ai primordi. Ricco di collaborazioni eccellenti, nel disco si ritrovano anche connubi vocali. La splendida voce di Sharon Den Adel si mescola a quella del rapper americano Xzibit e a quelle  dell’ex-Killswitch Engage Howard Jones, o anche Dave Pirner dei Soul Asylum. Il duetto più simbiotico è quello con Tarja Turunen, altra dea del metal dalla voce inconfondibile. Silver Moonlight sembra ripercorrere improvvisamente le trame ancestrali del passato, ma è Dog Days a dare un tocco di sensualità sottesa ad un pizzico di malinconia: l’incalzare dei  “one , two, three, four” in un ritmo che rappresenta appieno i ‘giorni di canicola’.

L’album contiene 14 brani dei quali anche 4 interessanti cover (Lana Del Rey, Enrique Iglesias, Passenger e Imagine Dragons).

La Den Adel  ha dichiarato: “Xzibit è fantastico. Lui rappa alla massima potenza e porta un nuovo elemento nella nostra musica. Io e Tarja ci siamo divertite molto: ha un modo di cantare le linee melodiche acute da lasciare senza parole. Ho sempre adorato la voce di Howard Jones perché rende ancora più pesante qualsiasi brano su cui canta. Con lui ho fatto Dangerous ed è anche uno dei miei pezzi preferiti. Dave Pirner invece ha una voce magnetica: per “Whole World Is Watching” abbiamo pensato subito a lui”.

Questa la tracklist di Hydra
01. Let Us Burn
02. Dangerous (feat. Howard Jones)
03. And We Run (feat. Xzibit)
04. Paradise (What About Us?) (feat. Tarja)
05. Edge Of The World
06. Silver Moonlight
07. Covered By Roses
08. Dog Days
09. Tell Me Why
10. Whole World Is Watching (feat. Dave Pirner)
11. Radioactive (originally performed by IMAGINE DRAGONS)
12. Summertime Sadness (originally performed by Lana del Ray)
13. Let Her Go (originally performed by PASSENGER)
14. Dirty Dancer (originally performed by Enrique Iglesias)

© Riproduzione Riservata

Commenti