Messina. Museo: partito il corso di aggiornamento per i docenti e le Guide TuristicheGiorno 15 è partito presso il Museo Interdisciplinare Regionale di Messina “Maria Accascina” il III corso di aggiornamento per i docenti del Comune, della Provincia di Messina e per le Guide Turistiche abilitate. Il corso organizzato nell’ambito dei Servizi Educativi Territoriali per l’anno 2013/2014 ha per titolo “Questioni teoriche e metodologiche. Spunti per una lettura integrata del patrimonio museale”. Si è iniziato mercoledì 15 con “L’introduzione al corso” a cura della Dr.ssa Caterina Di Giacomo, Direttrice del Museo Regionale, per poi “entrare nel vivo” con la Dr.ssa Donatella Spagnolo, Funzionaria e storica dell’arte che si è soffermata su “Santi e storie bibliche nell’iconografia dal XV al XVIII secolo”.

Gli incontri si terranno circa ogni quattordici giorni e il prossimo si terrà mercoledì 29 gennaio quando il Funzionario Agostino Giuliano, Esperto catalogatore, interverrà sul tema “Tecniche artistiche: la pittura su tavola”.

Un altro atteso appuntamento è quello di mercoledì 12 febbraio quando la Dr.ssa Alessandra Migliorato, Funzionaria e Storica dell’arte si occuperà di “Problematiche stilistiche e di periodizzazione nell’arte messinese tra classicismo e manierismo”. Giorno 26 febbraio, mercoledì, si proseguirà con la Dr.ssa Elena Ascenti, Funzionaria e Storica dell’arte oltre che organizzatrice del corso, che parlerà di “Pittura a Messina tra classicismo e barocco: Testimonianze nelle collezioni museali”.

Il mese di marzo prevede l’appuntamento di mercoledì 12, quando Giusy Larinà, Funzionaria, Storica dell’arte ed Esperta Catalogatrice tratterà: “Lettura stilistica e iconografica di argenti messinesi dal XIV al XIX secolo”. Il corso si chiuderà mercoledì 26 marzo con una verifica, dopo l’ultimo incontro a cura della Dr.ssa Caterina Di Giacomo, Direttrice dell’importante Museo messinese, che ci inviterà a “Guardare l’arte contemporanea: opere della NON OGGETTIVITA’ fra i capolavori di Antonello e Caravaggio”.

Siamo personalmente certi che anche questo corso, come i precedenti due riscuoterà grande successo fra gli “addetti ai lavori” e contribuirà notevolmente ad implementare la loro capacità di divulgazione. Ricordiamo comunque a tutti che il Museo messinese custodisce al suo interno, oltre a tanti pezzi di pregevole fattura, svariate opere del più famoso pittore siciliano, “Antonello da Messina” e due tele di Michelangelo Merisi, meglio noto come il “Caravaggio”: “La Resurrezione di Lazzaro” e “L’Adorazione dei pastori”. Un altro famoso dipinto del Caravaggio si trova a Siracusa, nella chiesa omonima e dedicata alla Patrona della Città: “Il seppellimento di Santa Lucia”. Un’altra opera del celebre artista venne infine trafugata la notte fra il 17 e il 18 ottobre del 1969 dall’interno dell’Oratorio di San Lorenzo a Palermo e non venne mai più ritrovata: si trattava della celebre “Natività”. La visita a questo Museo va quindi considerata una tappa obbligatoria volta alla conoscenza del patrimonio artistico siciliano per residenti, studenti e turisti.

© Riproduzione Riservata

Commenti