Nell’ambito dell’indagine per l’uso illecito dei rimborsi spettanti ai gruppi parlamentari, sono finiti sotto inchiesta ben 83 deputati  in carica e delle scorse legislature indagati nell’inchiesta della Procura di Palermo.

ars_sicilia1A scoperchiare un nuovo scandalo della politica siciliana è stata la Finanza. Cravatte, gioielli e regali, borse Hermes Vuitton, biancheria intima griffata, soggiorni in hotel di lusso e auto: è questa la lunga lista delle “spese pazze” sostenute dai deputati dell’assemblea della Regione Sicilia. Sono finiti nel registro degli indagati, con l’accusa di peculato, ben 83 parlamentari siciliani e 14 consulenti e dipendenti dei gruppi. Tra gli inquisiti, Davide Faraone, responsabile Welfare della segreteria nazionale del Pd, insieme all’ex governatore Raffaele Lombardo.

Anche  Giovanni Ardizzone, deputato Udc e presidente dell’Ars, risulta tra gli indagati.

Nei due anni di inchiesta, avviata dalla Procura dopo il caso Fiorito, gli investigatori hanno analizzato tutti i conti della scorsa legislatura e di quella precedente. (In quel periodo i gruppi non dovevano rendicontare le  “spese di segreteria”). La Finanza ha controllato migliaia di documenti, fatture e scontrini che avrebbero fatto intascare, a decine di deputati regionali, circa 10 milioni di euro di rimborsi non dovuti. A 13 deputati, tutti capigruppo, sono stati notificati inviti a comparire. Saranno così sentiti nei prossimi giorni: Innocenzo Leontini, Cataldo Fiorenza, Rudy Maira, Marianna Caronia, Nunzio Cappadona, Giulia Adamo, Paolo Ruggirello, Antonello Cracolici, Nicola Leanza, Nicola D’Agostino, Francesco Musotto, Giambattista Bufardeci, Livio Marrocco.

Molto più lunga la lista degli indagati, in cui compaiono anche Francesco Cascio, l’ex presidente dell’Ars e Giuseppe Lupo, segretario regionale del Partito Democratico.

Dall’inchiesta si è scoperto che alcuni parlamentari avrebbero chiesto persino il rimborso di multe e delle mance di un euro date al bar che avrebbero poi rendicontato come: “spese di segreteria”.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti