La Nigeria ristringe la legge contro gli omosessuali, limitando i loro diritti e vietando loro il matrimonio. Il testo prevede anche pene detentive per le persone dello stesso sesso che mostrano pubblicamente la loro relazione.

Nigeria: emanata la legge contro i gay
Il presidente nigeriano Goodluck Jonathan ha approvato la normativa che restringe ulteriormente i diritti degli omosessuali e il divieto di unioni tra persone dello stesso sesso. Lo ha dichiarato ieri il suo portavoce Reuben Abati.
La legge, approvata all’unanimità dal Parlamento nel maggio dello scorso anno, è fortemente sostenuta dalla popolazione, molto religiosa: “Più del 90% dei nigeriani sono contrari al matrimonio tra persone dello stesso sesso”, riferisce Abati.
Il testo prevede una pena di 14 anni di carcere per chiunque dovesse contrarre un matrimonio gay e 10 anni di reclusione per le persone dello stesso sesso che mostrando pubblicamente la loro relazione. Inoltre: “Qualsiasi persona che gestisce o frequenta club gay, commette un crimine” ha aggiunto il portavoce del presidente nigeriano.

Questo annuncio ha provocato forti reazioni nel mondo: John Kerry, Segretario di Stato degli Stati Uniti, ha stabilito che la legge limita “pericolosamente la libertà di associazione, di riunione e di espressione dei nigeriani.” sottolineando che il testo “contravviene agli impegni presi dal paese sul piano internazionale” oltre a “minare le riforme democratiche e le tutele dei diritti umani iscritte nella Costituzione del 1999”.
Già nel mese di dicembre, l’organizzazione Amnesty International aveva chiesto al presidente di respingere la legge definendola “discriminatoria”, avvisando che se la legge fosse stata approvata “la società nigeriana sarebbe diventata una delle meno tolleranti al mondo”. Tuttavia, dal 2006, due leggi simili sono già state proposte, in questo paese dove la sodomia è già punibile con la prigione. Il primo ministro britannico David Cameron, ha minacciato di limitare gli aiuti ai paesi che non riconoscono i diritti dei gay.

(Photo: Flick)

© Riproduzione Riservata

Commenti