img1024-700_dettaglio2_immigrati-youreporterE mentre  a Lampedusa sono stati rimossi i dirigenti del CIE per le immagini diffuse dal Tg 2 sulla disinfestazione choc, gli ospiti del Cara di Mineo hanno pensato bene di preparare l’ennesima protesta. Molte decine di immigrati sono usciti dalla struttura e hanno bloccato il traffico sulla strada statale 417 Catania-Gela,  una delle strade più trafficate, causando disagi agli automobilisti. Solo poco più di un mese fa (era il 22 ottobre) i migranti avevano invaso la strada e gettato pietre ovunque, spaccando i finestrini di un pullman urbano e incutendo paura tra i viaggiatori. E adesso si ricomincia.

All’ingresso di Palagonia  si sono verificati tafferugli tra gli agenti di polizia. Un folto gruppo di immigrati violenti ha cominciato a lanciare pietre contro i mezzi delle forze dell’ordine che a loro volta hanno risposto con lanci di lacrimogeni. Gli immigrati hanno lanciato grosse pietre anche contro alcuni giornalisti.

I manifestanti sono ormai esasperati per la lunga permanenza nel Cara, come del resto la popolazione di Mineo, e chiedono che venga esaminata la loro richiesta di ottenere lo status di rifugiato. Sul posto le forze dell’ordine stanno operando per deviare il traffico su strade alternative alla417. Gli automobilisti che devono percorrere quel tratto di strada possono prepararsi ad una lunga attesa. Simili blocchi vengono attuati spesso dagli immigrati ospiti del Centro di accoglienza di Mineo.

© Riproduzione Riservata

Commenti