Taormina: dichiarazione stato di calamità naturaleLa grande quantità di cenere emessa dall’Etna nei giorni scorsi e caduta su parecchi paesi siciliani, ha indotto la giunta regionale a dichiarare lo stato di calamità naturale nei confronti di svariati comuni del comprensorio etneo e di quattro nel Messinese. I comuni della Provincia di Messina oggetto del provvedimento sono: Taormina, Giardini Naxos, Letojanni e Castelmola.

La dichiarazione di stato di calamità naturale si è resa necessaria data la particolare pericolosità della cenere per la salute, la circolazione stradale, per il rischio di occlusione degli scarichi e per i gravi danni causati all’agricoltura. L’attività vulcanica si è dimostrata parecchio intensa nei giorni scorsi (tanto da portare anche alla chiusura temporanea dello scalo aereo di Fontanarossa) e non si possono certe escludere altre eruzioni nel prossimo futuro: se a ciò si aggiunge il pericolo derivante dalla perturbazione in arrivo in queste ore sulla Sicilia, come anche preannunciato dalla Protezione Civile Nazionale, ben si capisce la preoccupazione che attanaglia in questo momento gli abitanti del comprensorio!

© Riproduzione Riservata

Commenti