Un mondo che profuma d’antico. Un luogo di incontro e scambio tra diverse culture che popolano un mondo fatto di colori e profumi.

Collegamento a Childhood---Guiego&Guego
OP3 Photographer

Situato nella zona di Beyazit, il Gran Bazar d’Istanbul apre le sue innumerevoli porte agli abitanti della città, a viandanti e visitatori da tutto il mondo, attratti dai circa 4000 negozi e dall’intricato labirinto che si snoda al suo interno. Questo è uno dei più antichi bazar ancora funzionanti. Ha diversi accessi e si articola lungo un perimetro abbastanza ampio.

Entrando si è subito avvolti dalle infinite fragranze e dal miscuglio di odori speziati che si propagano a macchia d’olio tra i corridoi da cui è composto. I negozietti dalle dimensioni molto ridotte, sono l’uno accanto all’altro, rendendo l’ambiente più accogliente e meno dispersivo di quello che dovrebbe risultare date le dimensioni.

Incredibili i riflessi dell’oro sulle vetrine delle gioiellerie, la varietà di colore dei tessuti e dei tappeti che riempiono i negozi, lampade che ricordano quelle delle moschee appese ad ogni angolo, creano effetti luminosi davvero unici, illuminando il percorso dei clienti che si ritrovano attratti come gli insetti dalla luce.

I prodotti più apprezzati all’interno del bazar sono sicuramente:

– le spezie, meno trattate e più efficaci di quelle che si trovano generalmente in commercio. Sono tutte esposte in grandi vasi, accostate in maniera tale che l’effetto cromatico  di ognuna di esse crei nella mente di chi le osserva una tavolozza di colori. Si va infatti dal rosso del peperoncino, al verde della menta passando dall’arancio profumatissimo della paprika per finire al giallo dorato dello zafferano.

– la frutta secca, fonte di energia pura per il nostro organismo. Se ne trova davvero tanta e a volte non si sa nemmeno di che prodotto si tratti. Le castagne invece risultano più grosse e dolci rispetto a quelle nostre, infatti ad Istanbul ne hanno fatto un vero e proprio business. Lungo ogni strada è possibile trovare dei carretti dove alcuni venditori le cuociono su una piastra con grande abilità, girandole una per una e vendendole a chi, durante una passeggiata, risulti attratto da quel profumo tipico che apre l’appetito di grandi e piccini.

– i saponi, di ogni tipo e profumazione, deliziano l’olfatto dei passanti incuriositi dagli accostamenti più disparati di fragranze, il più apprezzato è sicuramente quello all’olio d’oliva che ha anche la capacità, oltre quella di lasciare la pelle veramente profumata, di renderla morbida al tatto.

Anche se forse ormai è più un’attrazione turistica, questo luogo profuma d’antico, mescolandosi al contempo al moderno attraverso oggetti tecnologici e innovativi. Ma conserva nel suo essere il ruolo che ricopriva un tempo: luogo di incontro e scambio tra le diverse culture che popolano questo bellissimo mondo fatto di colori e profumi.

[flagallery gid=4]

© Riproduzione Riservata

Commenti