Sta viaggiando verso la Terra e si disintegrerà a contatto con l’atmosfera. E’ Goce, l’enorme satellite dell’Esa.

Il satellite Goce precipiterà sulla terraSembrerebbe un film di Steven Spielberg ma non lo è. C’è allerta per l’arrivo di Goce, un enorme satellite dell’Esa, l’agenzia spaziale europea. Secondo quanto previsto dagli esperti, il satellite precipiterà tra la sera di domenica e lunedì mattina. Allarme per 48 ore su tutta la Terra, anche per l’Italia. La Protezione civile non esclude che uno o più frammenti del satellite dell’Agenzia Spaziale Europea “possano cadere sul nostro territorio all’interno dell’arco temporale che va dalla sera di sabato alla tarda mattinata dell’11“.

Il satellite è stato lanciato nel 2009. Lo scorso 21 ottobre ha esaurito il carburante e ha iniziato a scendere di quota.  A monitorare la caduta del veicolo spaziale sarà l’Inter-Agency Space Debris Coordination Committee. (Comitato di coordinamento tra le varie agenzie spaziali supportato dallo Space Debris Office dell’Esa.) Secondo gli scienziati sarebbe a circa 100 miglia dall’atmosfera terrestre. Arrivato a 80 km dal nostro pianeta, dovrebbe esplodere e infrangersi nell’atmosfera. Alcuni frammenti potrebbero così raggiungere la superficie della terra. Ma gli esperti dell’Esa rassicurano «Gli esseri umani hanno 250.000 probabilità in più di vincere la lotteria che di essere colpiti dai resti del satellite».

Il professor Heiner Klinkrad, responsabile della sezione “detriti spaziali” dell’Esa, chiarisce: “I rischi per la popolazione sono minini. Statisticamente parlando l’eventualità di essere colpiti da un frammento è 250.000 più bassa di quella di vincere un premio della lotteria tedesca…In 56 anni di voli spaziali nessuno oggetto creato dall’uomo rientrato dallo spazio nell’atmosfera terreste ha causato ferite a esseri umani“.

A quanto pare sarà difficile sapere dove e quando cadranno eventuali frammenti del satellite. La Protezione civile rivela che “all’interno dell’arco temporale che va dalla sera di sabato alla tarda mattinata dell’11, non è ancora possibile escludere la remota possibilità che uno o più frammenti del satellite possano cadere sul nostro territorio. Le finestre di interesse per l’Italia sono, per ora, tre: dalle 8.26 alle 9.06 di domenica, 10 novembre, coinvolgendo potenzialmente il Centro-Nord (Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Emilia-Romagna, Toscana, Sardegna); dalle 19.44 alle 20.24 sempre di domenica interessando potenzialmente i territori di Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria e Sardegna; dalle 7.48 alle 8.28 di lunedì 11 novembre, periodo per il quale non sono ancora disponibili informazioni poiché sono ancora in corso le elaborazioni delle traiettorie possibili da parte di Asi“.

Insomma, per gli amanti della fantascienza si preannunciano 48 ore indimenticabili.

© Riproduzione Riservata

Commenti