Nella mattinata di mercoledì 30 ottobre è stato arrestato a Catania un ragazzo di 21 anni, Cristiano Rosario Maurici, a seguito di una lunga serie di indagini che lo hanno ritenuto colpevole di rapinare diversi liceali, giovani studenti e minorenni della città siciliana.

Il modus operandi utilizzato dal giovane era sempre lo stesso: si avvicinava agli adolescenti fingendosi poliziotto e dicendo di appartenere alla squadra dei “Falchi”; addocchiava le vittime vicino alle scuole prima dell’inizio delle lezioni e chiedeva loro di controllare i documenti; si faceva poi consegnare il portafoglio e si impossessava del denaro contenuti in essi con la forza. Ma Cristiano Rosario Maurici non era interessato a guadagnare illegalmente grandi quantità di soldi. Anzi, si accontentava anche di soli 5 euro.

A chi si ribellava, poi, incuteva terrore minacciando ritorsioni di qualsiasi genere. Rubare ai ragazzini era diventata una vera e propria missione: in un’occasione, un giovane studente aveva dimostrato di non avere contanti con sè ma Cristiano Rosario Maurici , una volta accortosi della presenza del bancomat nel suo portafoglio, lo aveva costretto a recarsi presso lo sportello automatico più vicino per prelevare quanto più possibile.

L’arresto è stato reso possibile grazie all’incredibile lavoro degli agenti della squadra mobile della Sezione Antirapine di Catania, che sono riusciti ad identificare il colpevole di tali reati e che, dopo le numerose segnalazioni effettuate da parte degli studenti e dei loro genitori, sono riusciti a metterlo in stato di fermo con l’accusa di rapina, estorsione e sostituzione di persona. I reati sarebbero stati commessi dallo scorso fine settembre fino ai primi giorni di ottobre; durante questo lasco di tempo, avrebbe eseguito fino a 20 rapine.

Cristiano Rosario Maurici è attualmente rinchiuso nell’istituto penitenziario di piazza Lanza a Catania ed è in attesa di parlare con il suo avvocato, prima di affrontare il giudice, che dovrà decidere la sua pena nel corso delle prossime udienze.

© Riproduzione Riservata

Commenti