Andrea Brambilla, Zuzzurro nel duo con Gaspare, e’ morto ieri sera a Milano.

Addio a Andrea Brambilla, il commissario Zuzzurro

«Zuzzurro e Gaspare da adesso non ci sono più. Punto». Così Nino Formicola, in arte Gaspare del duo comico Gaspare e Zuzzurro, annuncia sulla sua pagina Facebook la morte del suo amico e collega Andrea Brambilla, ovvero l’inseparabile Zuzzurro. I due avevano raggiunto la notorietà con ‘Drive In’ ma il loro sodalizio è iniziato nel 1976 e non si è mai chiuso. Zuzzurro aveva compiuto da poco 67 anni: lo ha ucciso un carcinoma polmonare. Dopo mesi di lotta, ieri sera Andrea Brambilla si è spento in ospedale a Milano.

Su Twitter fan e personaggi dello spettacolo lo ricordano con affetto il comico, citando storiche battute come «ce l’ho qui la brioche» e immaginandolo ancora nei panni del Commissario con i suoi sketch al «Drive In» insieme a Gaspare.

La coppia era apparsa per la prima volta in tv nel 1978 nella trasmissione Rai «Non stop», ma era diventata famosa proprio grazie al varietà «Drive In». Dopo la tv si era dedicata soprattutto al teatro, salvo qualche partecipazione sul piccolo schermo come una conduzione di «Striscia la Notizia» o le performance a «Zelig Circus». Proprio quest’anno Zuzzurro, nato a Varese, aveva rivelato pubblicamente la sua malattia ma aveva continuato a lavorare nonostante le terapie a cui doveva sottoporsi.

Il 15 ottobre scorso Zuzzurro sarebbe dovuto salire sul palco del Teatro Leonardo di Milano, insieme al fido compagno di una vita Gaspare, per la prima rappresentazione di «Non c’è più il futuro di una volta 2.0». Nei giorni precedenti aveva spiegato in un’intervista al Corriere della Sera l’intenzione di andare avanti nonostante il cancro: «Sono debilitato ma bisogna reagire. Penso sia doveroso provarci. Vorrei dirlo a tutti, specie ai malati giovani: occorrono volontà e ottimismo».

© Riproduzione Riservata

Commenti