Un anello che passa di mano in mano, una ragazza che vuole la verità. E il segreto di un amore proibito capace di cambiare in un solo giorno il destino di generazioni…

COP_Brunella Schisa_La scelta di Giulia.inddÈ un’abbagliante mattina di luglio quando Emma, neolaureata in Lettere, riceve una telefonata del tutto inattesa: dall’altra parte del filo l’anziana prozia Carolina, che lei a malapena conosce, la invita a casa sua perché, dice, deve consegnarle un regalo. La curiosità di Emma si tramuta presto in stupore quando – tra le mura solenni del palazzo di via dei Mille, a Napoli, teatro di tutte le vicende della sua grande famiglia – le mani tremanti della zia le affidano un astuccio che contiene un anello: una meravigliosa corniola ovale con una figura incisa sostenuto da una catena Liberty d’oro rosso.
Un oggetto prezioso anche perché appartenuto per prima a Giulia, la mitica bisnonna “fondatrice” della famiglia. A quell’anello è legato un segreto bruciante, che solo la curiosità di una giovane ragazza alla ricerca della propria strada e dell’amore può trovare la forza per scoprire – mentre i giorni di un’estate rovente portano con sé per lei anche un sentimento conturbante e intensissimo. Le vite degli uomini bellissimi e delle donne volitive della grande famiglia Cortesi rievocate sul filo della memoria e dell’emozione dalla più bella e coraggiosa delle loro discendenti.

L’autrice Brunella Schisa, giornalista e scrittrice, ha curato la pubblicazione di Herculine Barbin. Memorie di un ermafrodito (1978), Il teatro di Raymond Roussel (1982), Lettere di una monaca portoghese (1991). Tra i suoi romanzi La donna in nero (2006), che ha ricevuto numerosi premi, tra cui il Rapallo Carige; Lo Strappo (2008), scritto con Antonio Forcellino e tradotto in diversi paesi; Dopo ogni abbandono (2009), una ricostruzione letteraria della vita della Contessa Lara. Questo è il primo romanzo in cui parla della sua città: Napoli.

© Riproduzione Riservata

Commenti