Un artista che crea con passione, che realizza con la sabbia delle opere a dir poco incantevoli.

Gianni Provenzano - FoglieGianni Provenzano è nato a Naro in provincia di Agrigento nel 1948, dopo gli studi artistici le diverse esperienze lavorative nel settore della pubblicità lo portano a Palermo città estremamente magica dove inaugurò una sua galleria d’arte “l’acquaragia“ un’esperienza che ha fortificato il suo stile e la sua personalità.

Dipinge dal 1964, alternando opere di grafica e di serigrafia, la tecnica che più lo identifica è una grafica-pittura su sabbia, un’evoluzione di colori che mettono in risalto l’anima e la delicata personalità dell’artista.

Ogni opera viene scrutata dall’osservatore, ogni tratto si imprime nello sguardo di chi attento ascolta le vibrazioni dell’opera, una continua ricezione di energie positive a volte malinconiche altre volte solari.

Gianni Provenzano - Bottiglie

I suoi soggetti variano dalla natura morta ai vicoli delle strade, dai ritratti agli angoli malinconici del proprio inconscio.

Nel 2001 l’artista, ha un fermo nella produzione artistica, che lo terrà assente dai diversi scenari artistici fino al 2012, anno in cui il suo estro artistico si stanca, ha il bisogno di esprimere la voce del cuore, un artista quindi combattuto da ciò che era diventato e cosa non era più, così l’amore per l’arte lo riporta a creare opere per la propria terra, con i colori del cuore, utilizzando quindi a fasi alterne la tecnica della sabbia e dell’olio su carta, dove l’attenzione è nutrita dalla passione, pennellate e tocchi di colore, ci permettono di capire l’estrema attenzione nella realizzazione delle diverse opere.

Gianni Provenzano - Girasoli

Adesso Gianni Provenzano è nuovamente un artista in piena attività artistica, partecipando a diverse estemporanee e mostre personale sta dando conferma del suo estro artistico e della sua talentuosa bravura, la sua prossima esposizione avverrà a Palermo il 15 settembre nel 4° Memorial Podistico Salvo D’Acquisto, Gara Podistica Regionale di km. 10

© Riproduzione Riservata

Commenti